Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 830
RAGUSA - 30/09/2009
Cronache - Ragusa: le manette sono scattate per Giuseppa Fidone in una palazzina di contrada Selvaggio

Incendia porta d´appartamento e rischia strage: arrestata

La donna ha messo a repentaglio la vita di un intero nucleo familiare composto anche da due bimbi di 7 e 10 anni Foto Corrierediragusa.it

Quando una banale lite tra condomini rischia di sfociare in tragedia. Succede se una delle contendenti da fuoco alle porte dell’appartamento, rischiando di causare un incendio di colossali dimensioni. Di questa sconsiderata e pericolosa azione si è resa protagonista Giuseppa Fidone (nella foto), 48 anni, arrestata dalla sezione volanti diretta dal commissario capo Marzia Giustolisi.

Ha rischiato grosso una famiglia ragusana composta anche da due bambini di 7 e 5 anni. Giuseppa Fidone, in un eccesso d’ira, ha appiccato le fiamme in tarda serata alla porta d’ingresso dell’appartamento, dove il nucleo familiare stava dormendo, in una palazzina di tre piani della parte alta di Ragusa, poco distante dallo stadio «Aldo Campo», in contrada Selvaggio.

Quando il bambino di 7 anni si è accorto di quanto stesse accadendo, svegliando il padre, l’appartamento e il pianerottolo erano già invasi da un denso fumo, con la porta completamente distrutta dalle fiamme, che continuavano a divampare, bloccando ogni via di fuga alla famiglia. Momenti drammatici superati solo grazie alla prontezza di spirito del padre di famiglia, che ha lanciato numerose secchiate d’acqua sulle fiamme, spente in maniera definitiva sbattendoci sopra lo zerbino.

Dopo aver tranquillizzato i bambini, marito e moglie hanno chiamato il 113, indirizzando i poliziotti verso Giuseppa Fidone, con la quale erano in essere rancori mai sopiti. Le testimonianze degli altri inquilini, che avevano visto la piromane aggirarsi sul pianerottolo poco prima dell’incendio, hanno inchiodato la donna alle sue responsabilità.