Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1278
RAGUSA - 19/09/2009
Cronache - Ragusa: un terzetto di maltesi stava fuggendo a bordo di un potente motoscafo

Sbarco con inseguimento in mare e sparatoria, 3 arresti

I presunti scafisti avevano poco prima fatto sbarcare a Punta Braccetto 19 clandestini

Dopo aver fatto sbarcare ieri notte a Punta Braccetto 19 immigrati, tre presunti scafisti stavano prendendo il largo a bordo di un potente motoscafo, intercettato dalla Guardia di finanza e dalla Polizia. L’inseguimento in mare con la motovedetta è terminato in acque internazionali, dopo che le forze dell’ordine hanno sparato dei colpi di pistola in aria a scopo intimidatorio. I presunti scafisti hanno allora fermato l’imbarcazione offshore. Si tratta di tre maltesi: Toseph Xerry, 43 anni, Kurt Buhagiar, di 25 e Michael Aquilino, 36 anni.

Sarebbero stati loro a radunare i disperati, 18 uomini e una donna, tutti in buone condizioni di salute, partiti dall´isola di Malta. Dopo aver raggiunto le coste iblee e fatto sbarcare i clandestini, che hanno raggiunto a nuoto la riva, i tre presunti scafisti si sono allontanati. Mentre il gruppo è stato subito intercettato e bloccato nei pressi della spiaggia, i tre maltesi sono stati fermati in mare aperto, dopo un inseguimento con tanto di sparatoria in aria.

I tre maltesi sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Pare che i disperati abbiano pagato una ingente somma per il viaggio della speranza, anche se i tre maltesi arrestati negano ogni responsabilità.