Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 508
RAGUSA - 27/07/2009
Cronache - Ragusa: una motovedetta della Gdf ha perlustrato la costa iblea

Da Lampedusa a di Marina di Ragusa, controlli della GdF

Allerta contro gli sbarchi e la pesca con le «spadare», che fa anche razzia di delfini, tartarughe e cetacei
Foto CorrierediRagusa.it

Una motovedetta della Guardia di finanza (nella foto) ha stazionato per diverso tempo a circa mezzo miglio a sud ovest del faro di Punta Secca. Si è pensato ad un allerting anti sbarco di clandestini ma la cosa è stata smentita dallo stesso comandante provinciale Giovanni Monterosso.

E’ stato un normale pattugliamento marittimo per contrastare eventuali sbarchi e la pesca con le «spadare», i cosiddetti palamiti galleggianti chilometrici utilizzati dai pescherecci, che oltre a pescare pesci spada anche al di sotto delle misure consentite, «allamano» anche delfini, tartarughe e cetacei di diverse dimensioni considerati in via di estinzione.

Il pattugliamento è cominciato da Lampedusa e continuerà lungo tutto il litorale sud orientale dell’isola. Viste le condizioni ottimali del mare in questi giorni, potrebbero verificarsi realmente sbarchi di clandestini provenienti dall’Africa e dal nord Africa, come ancora più probabile è la pesca con le spadare che depaupera i mari.

L’ imbarcazione della Guardia di finanza lunga 32 metri, con 18 persone a bordo tra ufficiali e sottoufficiali, ha stazionato nel porto turistico di Marina di Ragusa ed ha imbarcato, in visita di cortesia, il prefetto Carlo Fanara.