Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1100
RAGUSA - 10/07/2009
Cronache - Ragusa: un messaggio criminale nel giorno dell’inaugurazione della struttura

Incendio doloso al bar "Stella Marina" vicino al nuovo porto

I piromani hanno agito alle 3 di notte. Il titolare Angelo Firrincieli è stato vittima di un malore. Nessun ferito ma parecchi danni. Solidarietà di Dipasquale, Cosentini, Ascom e Confcommercio
Foto CorrierediRagusa.it

Suona come un segnale di sfida alle istituzioni l’incendio doloso che ha distrutto all’alba di ieri lo storico bar «Stella Marina» dello Scalo Trapanese (nella foto), proprio nel giorno dell’inaugurazione ufficiale del porto turistico di Marina di Ragusa.

Il locale distrutto dalle fiamme dista poche centinaia di metri dalla nuova struttura portuale. Il rogo si è sviluppato poco dopo le tre del mattino e lo stabile di legno e plastica è bruciato come una torcia, mentre la zona era deserta. E’ stata l’inquilina di un appartamento attiguo a lanciare l’allarme. I vigili del fuoco hanno lavorato per oltre 4 ore. Si è resa necessaria l’evacuazione di un paio di appartamenti lambiti dalle fiamme, che hanno provocato decine di migliaia di euro di danni. Nessuno è comunque rimasto ferito.

Il titolare del bar Angelo Firrincieli è stato ricoverato in ospedale per un improvviso malore. Pare che il ragusano abbia dichiarato agli investigatori di non aver ricevuto minacce o richieste estorsive. Ma sulla matrice dolosa del rogo non vi è dubbio. I pompieri hanno difatti trovato i resti del bidoncino di plastica contenente benzina con cui è stato cosparso l’esterno del locale per darvi poi fuoco.

Un avvertimento lanciato non solo alle istituzioni ma, ovviamente, anche al titolare del bar, il cui locale è stato distrutto proprio nel giorno dell´inaugurazione del porto turistico, quando avrebbe realizzato affari d´oro con le migliaia di avventori che parteciperanno alla cerimonia ufficiale. Pare che, ma è solo una ipotesi non ancora suffragata da prove certe, che il titolare del bar abbia qualche mese fa ricevuto offerte per così dire "pressanti" a cedere l´attività commerciale. La Squadra mobile che conduce le indagini non esclude nessuna pista.

IL SINDACO DIPASQUALE: "LA CERIMONIA D´INAUGURAZIONE DEL PORTO TURISTICO NON SARA´ INTACCATA DAL GESTO CRIMINOSO". IL VICE SINDACO COSENTINI: " FORNIREMO AIUTI CONCRETI ALL’ESERCENTE COLPITO"
Stupore e preoccupazione per l’episodio accaduto. Sono i sentimenti manifestati dal sindaco Nello Dipasquale e dal suo vice Giovanni Cosentini, quest´ultimo anche nella sua qualità di assessore allo Sviluppo economico del Comune capoluogo. "Il gesto criminoso - dice Dipasquale - non ci fermerà di certo. Ci dispiace per il titolare dell´attività commerciale. Penso si tratti solo della mascalzonata di qualche balordo".

«Un episodio – sottolinea il vice sindaco Cosentini – che non ha precedenti nella nostra zona e che, tra l’altro, si è verificato in un momento significativo per la nostra realtà economica. L’Amministrazione comunale scenderà a fianco dell’esercente colpito e lo sosterrà, così abbiamo concordato con il sindaco Dipasquale, per evitare che la stagione, da parte dello stesso esercente, possa considerarsi perduta. Ribadisco - conclude Cosentini - che si tratta di atti che nulla hanno a che fare con la cultura della nostra città e che condanniamo in maniera dura".

LA SOLIDARIETA´ DI CONFCOMMERCIO E ASCOM: "MANTENIAMO ALTA L´ATTENZIONE"
Il presidente provinciale di Confcommercio, Angelo Chessari, e i componenti della giunta provinciale esprimono preoccupazione per quanto accaduto. Confcommercio provinciale esprime la massima solidarietà al gestore del bar colpito così duramente, tra l’altro proprio in vista dell’inaugurazione del porto turistico della frazione rivierasca.

«Sollecitiamo le forze dell’ordine – afferma il presidente provinciale di Confcommercio, Angelo Chessari – a fare piena chiarezza su quanto accaduto, stigmatizzando ogni episodio che cerca di fare piombare il territorio ibleo, la città di Ragusa in questo caso, in ambiti legati alla criminalità, ambiti che non ci appartengono affatto. Confcommercio - aggiunge Chessari - condanna con forza qualsiasi atto destinato a destabilizzare un quadro di progresso e di crescita che tutti auspichiamo possa seguire le direttrici più imponenti e importanti.

Così come importante è questa opera infrastrutturale, il porto turistico di Marina, per l’apertura del quale - conclude Chessai - esprimiamo la nostra massima soddisfazione e ci complimentiamo con il sindaco Nello Dipasquale e con l’amministrazione comunale tutta".

Anche il presidente della sezione Ascom di Ragusa, Cesare Sorbo, esprime solidarietà all’esercente duramente colpito dall’episodio di questa notte, sottolineando «l’inusuale e sospetta concomitanza tra questo inqualificabile gesto e l’inaugurazione del porto turistico previsto per questa sera. L’auspicio è che – prosegue Sorbo – nel caso in cui venga provata la dolosità dell’atto, i responsabili dello stesso possano essere immediatamente assicurati alla Giustizia».

(Nella foto sopra e in quelle sotto i resti inceneriti del bar "Stella Marina". Cliccateci sopra per ingrandirle)