Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 712
RAGUSA - 09/07/2009
Cronache - Ragusa: a causa di un’avaria all’imbarcazione da diporto

Un tranquillo pomeriggio di paura per 5 diportisti

Provvidenziale l’intervento della Guardia costiera a Marina di Ragusa
Foto CorrierediRagusa.it

Un tranquillo pomeriggio di paura. È quello che hanno vissuto alcuni diportisti, nel pomeriggio di ieri, poco distanti con la propria imbarcazione in avaria, dalla costa di Marina di Ragusa. Una volta allertata la sede centrale della Capitaneria di porto di Pozzallo (nella foto), i militari della Guardia Costiera, grazie alla motovedetta Cg145, impegnata in quel frangente nelle operazioni di pattugliamento nell’ambito dell’operazione «Mare sicuro 2009», si dirigevano presso il punto oggetto della segnalazione. Qualche minuto dopo, il natante della Guardia Costiera affiancava l’unita da diporto dove attendevano l’arrivo del natante cinque persone, tutti uomini, i quali segnalavano alle forze dell’ordina la perdita dell’elica e, di conseguenza, l’impossibilità a poter tornare indietro.

I cinque diportisti salivano a bordo del natante della Guardia Costiera e, al contempo, l’unità da diporto senza elica veniva rimorchiata da una unità della protezione civile, in loco in seguito alla stessa segnalazione.

I diportisti arrivavano a terra tutti in ottime condizioni fisiche ottimali. Nessuno dei cinque «sfortunati» diportisti, difatti, ha dovuto far ricorso alle cure mediche. Di contro, sono stati gli stessi diportisti a ringraziare gli uomini della Capitaneria di porto di Pozzallo per la tempestività e la sicurezza nel condurre le operazioni.

Giorni febbrili, questi, per i militari della Marina. Anche due giorni fa, la Guardia Costiera di Pozzallo era intervenuta a largo delle coste siciliane per soccorrere un marinaio egiziano.

Se l’estate è sinonimo, da un lato, di vacanze e divertimento, dall’altro segna, difatti, l’aumento degli interventi della Capitaneria di Porto di Pozzallo la quale è sempre attiva per ciò che attiene la vigilanza e controllo in mare, nonché le richieste di assistenza e soccorso.