Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1136
RAGUSA - 01/07/2009
Cronache - Ragusa: maldestro tentativo di due giovani malviventi al "Credito Siciliano"

Rapinano la banca di 40 euro e li perdono per strada

I rapinatori hanno agito disarmati e a volto scoperto. Le indagini sono condotte dalla Polizia
Foto CorrierediRagusa.it

Irrompono in banca disarmati e a volto scoperto. Presi dalla fretta e dalla paura d’essere acciuffati si fanno consegnare dal cassiere appena due banconote da 20 euro che, peraltro, perdono per strada durante la precipitosa fuga. La rapina maldestra è stata compiuta ieri mattina da due giovani balordi nell’agenzia di via Plebiscito a Ragusa del «Credito Siciliano». A causa della loro inesperienza e dello scarso sangue freddo, i due improvvisati malviventi rischiano adesso qualche anno di carcere ritrovandosi con un pugno di mosche in mano.

Le indagini sono condotte dalla Polizia, che ha acquisito le immagini registrate dalle telecamere del sistema di sorveglianza a circuito chiuso. Anche le testimonianze dei clienti e degli impiegati si riveleranno preziose per risalire all’identità dei due maldestri rapinatori. Questi ultimi avevano tradito fin da subito un certo nervosismo, mettendo sul chi vive uno dei cassieri, che, sentendosi rivolgere la fatidica frase «Questa è una rapina», ha dapprima pensato ad uno scherzo di pessimo gusto. Ma vedendo lo stato d’animo dei due malviventi, l’impiegato ha alla fine consegnato le due banconote da 20 euro, sostenendo che era il solo contante disponibile in quel momento.

Arraffato il magrissimo bottino, i due scalcinati rapinatori se lo sono pure perso per strada. Le 40 euro sono state ritrovate a distanza di pochi metri dall’ingresso della banca, dal quale i due malviventi erano schizzati fuori come proiettili.