Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 633
RAGUSA - 04/05/2009
Cronache - Chiaramonte Gulfi: si tratterebbe di un uomo di circa 60 anni

Lo scheletro nel pozzo è di un anziano morto 5 anni fa

In origine si era pensato potesse trattarsi del vittoriese Salvatore Giannone, scomparso 3 anni fa. Indagano i Carabinieri
Foto CorrierediRagusa.it

Apparterrebbe ad un uomo di oltre 60 anni, con buona probabilità non residente nella provincia di Ragusa, lo scheletro rinvenuto domenica mattina in fondo ad un pozzo di contrada Serra Grande, nei pressi di una casa rurale diroccata, nelle campagne tra Chiaramonte Gulfi e Ragusa (nella foto), da due persone intente a raccogliere asparagi.

Lo scheletro era riverso a faccia in giù all’interno del pozzo semi vuoto, poco distante dal casolare abbandonato. Immediato l’allarme ai Carabinieri di Ragusa. I resti dell´uomo sono stati recuperati dai Vigili del fuoco che hanno provveduto a svuotare il pozzo che conteneva acqua melmosa. Secondo una prima ricostruzioe effettuata dal medico legale, si tratterebbe di un uomo di corporatura esile la cui morte potrebbe risalire a circa cinque anni fa.

Sarà adesso l´esito dell´esame del Dna e di accurate indagini a risalire all´identita dell´uomo e a stabilire le cause della morte. Gli inqurienti si mantengono cauti: potrebbe essere stato un incidente, un suicidio o anche una morte violenta. Tutte le piste vengono seguite dai militari che intanto hanno allertato i comandi provinciali dell´Arma allo scopo di risalire alle generalità di gente scomparsa da tempo in modo da confrontarli con il Dna che sarà rivelato dalle ossa.

Accanto allo scheletro i carabinieri hanno prelevato frammenti di indumenti mascchili. All´altezza dell´osso del collo è stata rinvenuta una catenina nella cui placca non è però inciso alcun nome. Dalle protesi dentarie superiori ed inferiori si presume si tratti di una persona avanti negli anni.

In un primo momento gli investigatori hanno pensato a Salvatore Giannone, scomparso da Vittoria tre anni fa di cui non si è più avuta notizia. Ipotesi che non ha trovato fondamento col passare delle ore. I carabinieri hanno accertato che non esiste nessun’altra segnalazione di scomparsa in provincia, per cui si pensa ad una persona giunta a Serra Grande dalle province limitrofe.

NELLA FOTO SOTTO L´ALTRA FOTO DEL CASOLARE DOV´E´ STATO RINVENUTO LO SCHELETRO. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLA