Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 938
RAGUSA - 21/03/2009
Cronache - Ragusa: aveva alleggerito di 15mila 500 euro una banca di Jesi

Il calciatore-rapinatore Luca Strano sarà interrogato dal gip

La Squadra mobile ha arrestato il giocatore in collaborazione con il personale investigativo di Catania e Ancona. Il giocatore è ai domiciliari nel capoluogo etneo Foto Corrierediragusa.it

Sarà interrogato nelle prossime ore dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ancona Alberto Pallucchini il calciatore Luca Strano (nella foto), 26 anni, attaccante del Ragusa. La Squadra mobile ha arrestato la scorsa settimana Strano, che militava nella squadra azzurra in eccellenza, perchè ritenuto essere l´autore di una rapina messa a segno il 28 febbraio 2007 a Jesi, in provincia di Ancona. In quell´occasione, Strano agì assieme ad un complice, Alfio Maugeri, 32 anni, già in carcere per altra causa.

Stando alle indagini, Strano e Maugeri avrebbero rapinato la Banca Popolare di Ancona, filiale di Jesi, penetrando nell´istituto di credito armati di taglierini, con i quali minacciarono i dipendenti, fuggendo con un bottino di 15mila 500 euro.

Grazie all’analisi dei fotogrammi delle riprese delle telecamere a circuito chiuso della banca, nonché ai riscontri forniti dalla Polizia Scientifica, è stato possibile individuare i due malviventi, per altro con precedenti specifici. A Luca Strano sono stati concessi gli arresti domiciliari nella sua abitazione di Catania. All´epoca dei fatti di cui è acccusato, Strano giocava in una squadra del Catanese.