Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 796
RAGUSA - 13/01/2009
Cronache - Ragusa - Enzo Paternò è spirato nel reparto di malattie infettive

Celebrati funerali del ragusano morto all´ospedale "Civile"

La procura ha avviato un’inchiesta. La cartella clinica
del paziente è stata sequestrata dalla polizia. Eseguita l’autopsia
Foto Corrierediragusa.it

Sono statu celebrati nella chiesa di San Giuseppe Artigiano i funerali di Enzo Paternò, 56 anni, deceduto domenica pomeriggio all´ospedale Civile, dopo una lunga degenza, e su cui la Procura ha aperto un´inchiesta. Intanto mercoledì è stata eseguita dai medici legali l´autopsia all´obitorio dell´ospedale Maria Paternò Arezzo.

L´esame necroscopico avrebbe accertato che si sarebbe trattato di arresto cardiaco e sono da stabilire le cause che lo avrebbero provocato. Si dovrà attendere almeno una decina di giorni per conoscere, seppur in modo parziale, i primi risultati del lavoro affidato dal Pm Monica Monego ai medici siracusani Giuseppe Bulla ed Enrico Vasquez.

All´autopsia hanno partecipato anche il medico legale dell´Azienda ospedaliera, Peppe Juvara, e Vincenzo Cilia, il professionista nominato da due dei quattro medici avvisati dal Pm della decisione di effettuare l´esame autoptico ai sensi dell´articolo 360 del Codice di Procedura penale (Accertamenti Tecnici Non Ripetibili) che prevede che, quando gli accertamenti riguardano persone, cose o luoghi il cui stato è soggetto a modificazione, il Pm avvisa, senza ritardo, la persona sottoposta alle indagini, la persona offesa dal reato e i difensori del giorno, dell´ora e del luogo fissati per il conferimento dell´incarico e della facoltà di nominare consulenti tecnici.

I difensori (al momento per tutti e quattro i medici è stato nominato d´ufficio l´avvocato Stefania Calogero) nonché i consulenti tecnici nominati, infatti, hanno diritto di partecipare agli accertamenti e di formulare osservazioni o riserve.

(Fonte: telenova)


SALE A 8 IL NUMERO DEI MEDICI ISCRITTI NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI

Sono diventati 8 gli avvisi di garanzia a carico di altrettanti medici dell´ospedale "Civile" a seguito del decesso del ragusano Enzo Paternò, 56 anni, registratosi domenica scorsa nel reparto di malattie infettive.

Erano stati i familiari del ragusano, dipendente dell´ufficio di collocamento di Santa Croce, ma per anni in servizio nel capoluogo ibleo, a presentare denununcia per vederci chiaro sulle cause che hanno determinato il decesso del congiunto.

La procura ha quindi avviato un´inchiesta che, come accennato, vede 8 medici iscritti nel registro degli indagati. Anche la cartella clinica è stata posta sotto sequestro dalla polizia. Enzo Paternò era stato ricoverato il 27 novembre scorso per problemi cardio respiratori ed era stato tenuto per alcuni giorni in rianimazione, prima d´essere trasferito nel reparto di malattie infettive, dove è poi spirato.

Per martedì era stato programmato il trasferimento di Enzo Paternò al "Ferrarotto" di Catania. Il giovane figlio è invece ricoverato a Roma a seguito del grave incidente stradale nel quale è rimasto coinvolto lo scorso mese sulla Ragusa - Catania, che il giovane stava percorrendo in sella alla sua moto di grossa cilindrata.