Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 25 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 13:10
RAGUSA - 31/01/2018
Cronache - L’arma era per fortuna caricata solo a salve, ma l’apprensione è stata parecchia

Spara con pistola a salve dal balcone

Il 22enne deve rispondere di minacce gravi ed esplosioni pericolose Foto Corrierediragusa.it

Spara dei colpi di pistola in strada (che poi si scoprirà essere solo a salve) dal balcone di casa sua a Ragusa, a causa della rabbia scaturita da dissapori in famiglia: è stato prontamente bloccato dagli uomini dell’ufficio volanti della questura di Ragusa un ragusano di 22 anni. Come accennato il giovane, nel pomeriggio di martedì, ha creato notevole allarme in strada a causa dell’esplosione di alcuni colpi a salve con una pistola, dal balcone del suo appartamento. Nel primo pomeriggio al 112 della sala operativa è arrivata una chiamata che segnalava colpi d’arma da fuoco esplosi da una abitazione, nei pressi di via Colajanni. Immediatamente sul posto sono arrivate due volanti della polizia di Stato, che, adottando le precauzioni del caso, hanno avuto accesso all’interno dell’abitazione, bloccando subito un giovane ragusano di 22 anni. Sul balcone del suo appartamento i poliziotti hanno rinvenuto l’arma, una pistola di metallo, con caricatore inserito e cane armato, pronta per esplodere ulteriori colpi a salve.

Solo in una fase successiva i poliziotti hanno avuto contezza che si trattava di una pistola caricata con cartucce a salve, con il previsto tappo rosso. Immediata la perquisizione domiciliare che ha permesso di rinvenire ulteriori cartucce dello stesso tipo. La primissima attività di indagine condotta dai poliziotti della sezione volanti ha permesso di ricostruire i fatti, scaturiti da una lite familiare, che ha coinvolto diverse persone. Tutti i protagonisti della vicenda sono stati accompagnati in questura al fine di chiarire la dinamica esatta dei fatti e, all’esito di quanto emerso, il ragusano di 22 anni è stato denunciato alla procura per minacce gravi ed esplosioni pericolose. L’arma e le cartucce sono state sottoposte a sequestro (foto). Al vaglio è altresì la posizione di tutte le persone che hanno partecipato alla lite.