Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 18 Novembre 2018 - Aggiornato alle 23:43
RAGUSA - 29/01/2018
Cronache - Individuato un locale dove i ladri custodivano la merce rubata

Refurtiva recuperata dai carabinieri

Nei prossimi giorni i controlli del territorio proseguiranno senza sosta Foto Corrierediragusa.it

Continuano le attività di repressione dei reati svolte dai carabinieri della compagnia di Ragusa, che, in questi giorni, stanno dando particolare impulso alle attività volte al contrasto dei furti, che sono quelli che destano maggior allarme sociale. Attraverso continue pattuglie e servizi di perlustrazione durante tutto l’arco della giornata, i carabinieri hanno sventato diversi furti in abitazioni, esercizi commerciali, alberghi, e hanno recuperato la refurtiva di quelli già consumati. Durante tali servizi è stato denunciato, per ricettazione, un rumeno di 29 anni poiché, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato sorpreso in possesso di un televisore da 60 pollici già montato a muro nel suo soggiorno, oggetto di un furto avvenuto nei giorni scorsi in una palestra di Ragusa. Inoltre durante i controlli è stato individuato un locale ove i ladri si appoggiavano per custodire la refurtiva dei colpi messi a segno e dei materiali utilizzati per forzare le porte di accesso, nello specifico un’accetta e diverse parrucche per dissimulare la propria identità e ingannare le telecamere di video – sorveglianza, che venivano poste sotto sequestro, mentre la refurtiva riconosciuta è stata restituita ai legittimi proprietari. Per altro materiale informatico rinvenuto nel corso delle operazioni di perquisizione, nello specifico alcuni computer, sono invece in corso accertamenti per risalirne alla provenienza.

Nei prossimi giorni i controlli del territorio proseguiranno senza sosta, così come disposto dal comando provinciale dei carabinieri di Ragusa in uno specifico piano di presidio del territorio, che contempla l’impiego massiccio di pattuglie con automezzi con colori di istituto e di personale in abiti civili al fine di reprimere i reati predatori e garantire sicurezza ai cittadini.