Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 13:02 - Lettori online 972
RAGUSA - 25/10/2017
Cronache - L’associazione Pericentro si fa portavoce dei cittadini

Microcriminalità in via Salvatore

Si auspica maggiore sicurezza e vivibilità a tutti Foto Corrierediragusa.it

L’associazione Pericentro ha incontrato i commercianti e i residenti del centro storico superiore di Ragusa, soprattutto quelli della zona di via Salvatore (foto). Numerose le segnalazioni di scippi e di atti delinquenziali di ogni genere. «E’ venuto fuori un timore ben circostanziato – dice il presidente di Pericentro, Peppe Calabrese – e cioè la consapevolezza che attorno a piazza Salvatore si stia concentrando delinquenza di qualsiasi tipo. Il nostro obiettivo sarà coinvolgere tutti a segnalare eventuali atti delinquenziali, da quelli di bullismo allo spaccio di stupefacenti oltre alla prostituzione». I cittadini, c’erano anche i commercianti oltre che i residenti, hanno apprezzato la presenza dell’associazione all’incontro tra l’altro da loro stessi organizzato. «La nostra associazione – sottolinea ancora Calabrese – è stata coinvolta perché sempre più diventa punto di riferimento per le esigenze dei ragusani. Ci siamo dati appuntamento tra tre settimane per decidere come intervenire nell’immediato. Nel frattempo ci muoveremo per far crescere l’adesione pacifica alle iniziative con lo scopo di garantire maggiore sicurezza e vivibilità a tutti.

Da sottolineare - prosegue Calabrese - che nel medio periodo il problema va affrontato con l’utilizzo di adeguati strumenti urbanistici. Stiamo parlando del Ppe del centro storico da 5 anni chiuso nel cassetto e abbandonato al proprio destino. I ragusani devono potere avere le autorizzazioni per realizzare standard abitativi moderni e appetibili con l’obiettivo di far sì che si possa ritornare a vivere in centro - conclude -eliminando le abitazioni fatiscenti che risultano la cornice ideale per soggetti poco affidabili».