Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 11:27 - Lettori online 618
RAGUSA - 27/09/2017
Cronache - Operazione "Drug market" della guardia di finanza

Richiedente asilo e spacciatore di droga

Le indagini erano scattate a seguito delle denunce degli allarmati genitori Foto Corrierediragusa.it

Era un richiedente asilo politico ma non si faceva scrupoli di spacciare droga ai minorenni: si tratta di un gambiano arrestato dalla guardia di finanza di Ragusa nell´ambito dell´operazione "Drug market" (mercato della droga). Le fiamme gialle hanno altresì segnalato altri due extracomunitari di 21 e 22 anni trovati in possesso di diverse dosi pronte per essere vendute. Le indagini hanno preso spunto dalle numerose segnalazioni di genitori esasperati, che avevano lamentato la diffusione del fenomeno dello spaccio nel quartiere compreso tra via Criscione Lupis, via della Quercia e via Pacinotti. Con un meticoloso lavoro investigativo, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire le modalità dello spaccio di stupefacente, prevalentemente hashish, posto in essere da Ebrima Dibane Ebrima, ora rinchiuso nel carcere di Ragusa. Giunto in Italia nel 2014 nell´ambito di uno sbarco al porto di Pozzallo ed alloggiato in un centro di accoglienza, l´uomo si era dato alla illecita attività di spaccio tra i giovanissimi.

Il gambiano assicurava delle vere e proprie consegne a domicilio al costo di 10 o 12 euro euro al grammo. L’appuntamento avveniva previo contatto telefonico di pochi istanti, durante il quale i consumatori chiedevano al pusher «di scendere», messaggio in codice che individuava la volontà di voler acquistare la sostanza ed il luogo convenzionale dove incontrarsi. A quel punto la cessione della droga avveniva con varie e fantasiose modalità che andavano dalla disinvolta consegna in strada, alla cessione più attenta, buttando a terra sia la sostanza che il denaro, mentre le due parti, camminando l’una verso l’altra, si incrociavano senza parlarsi, raccogliendo ciascuna quanto di interesse. In alcune occasioni i clienti erano ragazze ed in un caso una giovane mamma con appresso il figlioletto di pochi anni. Lo spaccio avveniva in qualsiasi ora del giorno e delle notte.