Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 433
RAGUSA - 24/09/2017
Cronache - Il primo, vero giorno d’autunno con danni agli impianti serricoli ed alle case

Terremoto di magnitudo 2.3

Il sisma è stato parzialmente avvertito Foto Corrierediragusa.it

Un terremoto di magnitudo 2.3 si è verificato lungo la costa ragusana alle 5.45 dell´alba di domenica con coordinate geografiche (lat, lon) 36.38, 14.64 ad una profondità di 14 km. Il terremoto è stato localizzato dalla sala sismica Ingv Roma ed è stato parzialmente avvertito. Intanto domenica è stato il primo, vero giorno d’autunno per la Sicilia e per il territorio ibleo. La mattinata ha riservato pioggia battente (a tratti anche parecchio intensa) accompagnata da vento e con temperature in picchiata. Situazione più critica a Ragusa e Modica, con strade a tratti allagate o invase da detriti, e con qualche tombino saltato.

Una piccola ma potente tromba d’aria ha sferzato il litorale, con particolare riferimento a Caucana e Donnalucata, con alberi sradicati e cartelloni pubblicitari divelti. A Santa Croce e lungo la fascia costiera sono stati diversi gli impianti serricoli sventrati. Disagi anche a Pozzallo con qualche allagamento di scantinati. Situazione abbastanza nella norma anche negli altri centri iblei. Tutto sotto controllo da parte dei vigili del fuoco che hanno tuttavia ricevuto decine di segnalazioni, per fortuna non gravi. Non si segnalano danni a persone.