Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1100
RAGUSA - 22/10/2008
Cronache - Ragusa - Il racket fruttava al romeno mille 500 euro al mese

Immigrato chiedeva pizzo di 300 euro su elemosine dei rom

Le manette sono scattate per Nicolae Ion Carstina, 29 anni
Foto CorrierediRagusa.it

Estorceva con la forza fino a 300 euro al mese agli accattoni immigrati. Non si faceva troppi scrupoli il romeno Nicolae Ion Carstina, 29 anni, da tempo residente a Ragusa, dove aveva organizzato un autentico racket delle elemosine, per un giro d’affari mensile di poco più di mille 500 euro al mese. Ieri notte sono scattate le manette per il romeno, dopo le denunce sporte dagli esasperati suoi connazionali, in prevalenza donne con bambini, che Carstina non esitava a picchiare selvaggiamente quando tardavano nella consegna degli spiccioli ricavati facendo l’elemosina ai semafori.

Spiccioli che per il romeno arrestato si trasformavano in una somma di tutto rispetto con la quale viveva sulle spalle dei poveri disgraziati. Non è stato facile per la Squadra mobile e la sezione volanti squarciare il muro d’omertà eretto dai rom, troppo spaventati per denunciare il loro aguzzino. Alla fine sono state le testimonianze di un paio di donne romene ad inchiodare Carstina alle proprie responsabilità. Il romeno è accusato di estorsione aggravata, scippo e lesioni personali.

Il «pizzo sul ricavato delle elemosine» colpiva i rom che si piazzavano ogni giorno ai semafori delle zone centrali di Ragusa, da corso Italia a piazza Libertà, passando per la Stazione. Carstina aveva sperimentato il sistema mesi fa anche a Caltagirone. Anche lì era stato arrestato e condannato, con soggiorno obbligatorio a Ragusa dove il romeno aveva ricominciato a fare il duro con gli indifesi. I dettagli dell’operazione, che sta proseguendo per raccogliere nuovi elementi probatori, sono stati illustrati dal dirigente della Mobile Francesco Marino e dal dirigente della squadra Volanti Marzia Giustolisi.