Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 26 Luglio 2017 - Aggiornato alle 20:31 - Lettori online 562
RAGUSA - 11/07/2017
Cronache - I controlli della polizia stradale

Occupavano posti disabili per un caffè

Su direttiva del prefetto Librizzi Foto Corrierediragusa.it

Pugno di ferro contro gli incivili che parcheggiano nei posti riservati ai diversamente abili: a seguito di un esposto di un’associazione di Ragusa, con il quale si denunciava questo fenomeno diffuso nel nostro territorio, ovvero l’inciviltà di chi utilizza indebitamente i parcheggi per invalidi, il prefetto Maria Carmela Librizzi ha emanato una apposita direttiva al fine di contrastare il deprecabile fenomeno. La polizia stradale di Ragusa ha quindi avviato una verifica in ambito provinciale, che in un periodo limitato di appena un mese, ha permesso di riscontrare 8 infrazioni commesse nelle città di Ragusa e di Comiso. Ai proprietari delle vetture è stato contestato l’art. 158 del codice della strada, che prevede una sanzione di 85 euro, la decurtazione di 2 punti dalla patente di guida la rimozione del veicolo. Le giustificazioni addotte da alcuni proprietari delle vetture erano, in alcuni casi, di non aver visto il cartello ed in altri che avevano lasciato la vettura nel posto invalidi per un veloce caffè.

Nell’esposto veniva evidenziato come i posti previsti e riservati agli invalidi sono stati pensati per avere uno spazio apposito per smontare la carrozzina, per cui una persona con disabilità non può occupare un posto qualsiasi. Di recente la Suprema Corte di Cassazione, Sezione V Penale, con la sentenza del 7 aprile 2017, n. 17794 ha evidenziato che quando lo spazio è espressamente riservato ad una determinata persona, per ragioni attinenti al suo stato di salute, alla generica violazione della norma sulla circolazione stradale si aggiunge la denuncia alla procura per il reato di violenza privata. I controlli dunque proseguiranno anche in altri iblei.