Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 868
RAGUSA - 17/10/2008
Cronache - Scontro tra una Lancia Dedra e una Bmw sulla Comiso-Chiaramonte

Altri 3 incidenti con 8 feriti
di cui uno in prognosi riservata

Un centauro di 29 anni ragusano in sella ad una moto è finito fuoristrada, così come una "Nissan Primera" con 2 comisani Foto Corrierediragusa.it

Dopo l´incidente con due morti di venerdì sera, altri due sinistri si sono verificati ieri in provincia. L´ultimo in ordine di tempo si è registrato poco dopo le 20 sulla provinciale 7 Comiso - Chiaramonte, dove si sono scontrate una "Bmw" e una "Lancia Dedra". Sono rimaste ferite cinque persone, tre uomini e due donne, di età compresa tra i 31 e i 61 anni, tutte residenti a Chiaramonte Gulfi. Le prognosi variano da un minimo di otto giorni a un massimo di 40. Le due auto sono state poste sotto sequestro, mentre i rilievi sono stati effettuati dalla Polstrada.

Appena due ore prima un centauro di 29 anni era finito fuoristrada mentre sfrecciava lungo la 514 Ragusa - Catania in sella alla sua moto "Yamaha 600". L´incidente autonomo si è verificato poco lontano da contrada Castiglione, intorno alle 18. Il giovane è uscito di strada nell´abbordare una curva abbastabza pericolosa. Il ragusano si trova adesso ricoverato in prognosi riservata al "Civile" del comune capoluogo. Anche in questo caso è intervenuta la Polizia Stradale per i rilievi di rito.

All´alba di domenica un altro incidente autonomo lungo la statale 115 Ragusa - Vittoria. Una "Nissan Primera" con a bordo due comisani di 45 e 36 anni è uscita fuoristrada. Per gli occupanti della vettura le prognosi variano dai cinque ai 30 giorni.


LA ROMENA MORTA VENERDI´ HA LASCIATO
UNA BAMBINA DI 12 ANNI


Elisa Busch, la romena di 28 anni morta venerdì sera sulla Ragusa mare dopo un pauroso scontro frontale tra una "Marea" station wagon e una "Mercedes", lascia una bambina di 12 anni. La ragazzina, che è stata messa al corrente del tragico evento, è stata adesso affidata in via temporanea ad una famiglia di Ragusa. Nei prossimi giorni sarà rimpatriata in Romania, non avendo la ragazzina altri parenti in Italia.

L´altra vittima è un ragazzo di 27 anni, Giovanni Campanella, ragusano, che era alla guida della "Marea". La Busch era al volante della "Mercedes" con a fianco un anziano di 69 anni accudito dalla giovane donna e che, miracolosamente, è riuscito a saltare fuori dall´abitacolo, nonostante la berlina abbia capottato più volte, prendendo fuoco. L´anziano ha tentato senza successo di salvare anche la sua badante, mentre le fiamme avvolgevano l´auto.

L´incidente mortale si è verificato lungo la provinciale 25 Ragusa - Marina di Ragusa, in prossimità dell´incrocio per contrada Palazzola, poche decine di minuti prima che sulla zona si scatenasse un violento temporale.

La pioggia è quindi da escludere dalle cause dello scontro mortale. In base alla posizione dei rottami delle due auto, pare che la "Marea" abbia invaso la corsia della "Mercedes", determinando l´impatto. Appare probabile che il giovane sia stato colto da malore o abbia avuto un colpo di sonno, invadendo la corsia opposta. Dopo lo scontro la "Mercedes" si è schiantata sul muro che delimita la carreggiata, capovolgendosi più volte e prendendo fuoco. L´anziano miracolato è riuscito a tirarsi fuori dalle lamiere contorte. Nulla da fare invece per la romena. I vigili del fuoco hanno recuperato il suo corpo semicarbonizzato. Ci sono volute alcune ore per procedere all´identificazione, visto che la salma era pressochè irriconoscibile e l´anziano sotto shock.

L´incidente si è registrato in un ampio tratto rettilineo, dove la visibilità è ottimale. Spetterà adesso alla polizia provinciale ricostruire l´esatta dinamica di questo ennesimo incidente che scuote ulteriormente una provincia già sgomenta per la morte, appena sei giorni fa, del giovane ispicese.