Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 29 Giugno 2017 - Aggiornato alle 19:07 - Lettori online 881
RAGUSA - 18/04/2017
Cronache - E’ successo in un panificio

Una 75enne deruba della borsa una invalida di 85 anni

La donna non aveva speso un centesimo del maltolto, restituito alla vittima Foto Corrierediragusa.it

Quando il furto è come l’amore, nel senso che non ha età. La singolare circostanza si è palesata nella denuncia per furto di una signora ragusana di 75 anni, colpevole di aver derubato della borsa una 85enne invalida in un panificio (foto). Il furto con destrezza era avvenuto in un panificio, dove la vittima si era recata per comprare il pane. Approfittando di un attimo di distrazione della ultra ottuagenaria, la signora le aveva sottratto la borsa, contenente, oltre ai documenti, agli effetti personali e alle chiavi di casa, anche mille 500 euro in contante che la 85enne aveva poco prima prelevato per pagare la sua badante e per provvedere ad altre spese. Insomma, l’occasione ha fatto la donna ladra, senza limite di età. Dopo la comprensibile disperazione, l’anziana invalida aveva sporto denuncia alla polizia, che le aveva fatto ripercorrere a ritroso la giornata per capire dove e quando era avvenuto il furto. La donna ha subito pensato al panificio, e, dalle immagini acquisite dal sistema di telesorveglianza a circuito chiuso, si è risaliti alla signora 75ennne, immortalata mentre si appropriava della borsa e usciva furtivamente dal locale.

Grande la sorpresa degli investigatori che si erano recati in casa della signora, dopo aver appurato che quest’ultima, alla sua prima esperienza da ladra, divorata dai sensi di colpa, non solo aveva riconsegnato i documenti alla vittima, infilandoli nella cassetta delle lettere al suo domicilio, ma aveva conservato in casa la borsa con all’interno il contante, senza averne speso neanche un centesimo e consegnando tutto ai poliziotti. La donna dovrà comunque rispondere del reato di furto con conseguente processo penale a suo carico. L’anziana invalida è dunque rientrata in possesso dell’intera somma che le era stata sottratta. Tutto sommato una storia a lieto fine. O quasi.