Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 21:57 - Lettori online 730
RAGUSA - 26/02/2017
Cronache - I ladri continuano a terrorizzare i residenti delle zone rurali

Funzionerà "Controllo di vicinato"?

In ogni caso sono stati intensificati i controlli delle forze dell’ordine Foto Corrierediragusa.it

E´ ancora troppo presto per stabilire se funzionerà o meno il protocollo d’intesa denominato «Il Controllo di Vicinato» e sottoscritto di recente tra il Prefetto di Ragusa Maria Carmela Librizzi ed il Sindaco del Comune di Ragusa Federico Piccitto. Quanto sta accadendo ancora nelle frazioni rurali. con i ladri sempre più scatenati, non lascia presagire comunque bene. Avevano aderito anche i Responsabili provinciali delle Forze dell’ordine al progetto teso a rafforzare la collaborazione tra Prefettura, Forze di Polizia territoriali, Comune Capoluogo e società civile nell’azione di contrasto alla criminalità. Questi, in particolare, i principali obiettivi: contribuire all’attività di prevenzione e controllo del territorio, accrescere la consapevolezza dei cittadini sulle problematiche del territorio e il livello di protezione dei propri beni con piccole cautele e misure di difesa passiva, promuovere la sicurezza partecipata attraverso la reciproca attenzione e il vicinato solidale e favorire la coesione sociale.

Verrà creata una rete di gruppi di controllo del vicinato, i quali svolgeranno una capillare attività di osservazione, soprattutto nelle contrade esterne alla cintura urbana del capoluogo, senza ricorrere a pericolose forme di pattugliamento del territorio (come invece sta accadendo), avendo cura invece di segnalare alle Forze dell’ordine ogni fatto o circostanza sospetta nella propria zona di residenza.

Il modello delineato con questa intesa costituisce una nuova strategia di intervento, in un´ottica di sicurezza integrata, che vedrà il coinvolgimento attivo del cittadino, ma solo come osservatore pronto a segnalare circostanze o persone sospette alle forze dell’ordine. L’Amministrazione comunale di Ragusa procederà ad intensificare la videosorveglianza e ad una dettagliata "mappatura" dei siti (luoghi pubblici ed immobili, anche privati), dove sono presenti particolari situazioni di degrado e di disagio sociale. Ma alcune zone, come quella di San Giacomo, carente di pubblica illuminazione, potrebbe presentare più di un problema per l´installazione delle videocamere di sorveglianza.

Le segnalazioni saranno valutate dal coordinatore del gruppo, il quale, grazie anche all’apposita formazione ricevuta, comunicherà alle forze dell’ordine solo quelle di effettivo rilievo. Il Protocollo conferma comunque la centralità del Comitato Provinciale per l´Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto, quale organo istituzionale per la definizione delle strategie di sicurezza. In ogni caso sono stati intensificati i controlli delle forze dell´ordine.

Nella foto il palazzo di governo di Ragusa