Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 18 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 18:07 - Lettori online 767
RAGUSA - 09/02/2017
Cronache - Chiesto incontro al sindaco e al prefetto per attivare il sistema di sorveglianza

A S. Giacomo niente telecamere, ronde di residenti in azione

Da due mesi presidiano strade e contrade per prevenire il fenomeno dei furti Foto Corrierediragusa.it

A S. Giacomo (foto) manca il sistema di videosorveglianza e i residenti si sono organizzati. Da due mesi presidiano strade e contrade per prevenire il fenomeno dei furti. Gli intensificati controlli delle Forze dell’ordine e le «ronde» organizzati di residenti hanno in effetti fatto scendere il numero degli episodi malavitosi e la frazione ha vissuto da Natale a questa parte un periodo più sereno.

Le ronde sono state in particolare attivate in contrada Monte Margi, Cinque Vie e nelle zone rurali limitrofe, in prossimità della frazione. Il consigliere comunale Mario Chiavola ha tuttavia posto all’attenzione la necessità del sistema di videosorveglianza e l’opportunità di parlare della questione con il prefetto cui era stata avanzata già richiesta. Dice il consigliere Pdf: «Siamo certi che ciò accadrà quanto prima perché sappiamo che il prefetto è molto sensibile. E’ stato anche deciso di chiedere un altro incontro con il sindaco Piccitto perchè possa diventare il tramite delle loro esigenze e incontrare il prefetto. Attendiamo, inoltre, che possano essere installate, come ci è stato promesso più volte, le telecamere della videosorveglianza corredate, magari, da un lampione a led o fotovoltaico considerato che la questione del funzionamento delle stesse telecamere ha direttamente a che vedere con la pubblica illuminazione».