Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:26 - Lettori online 817
RAGUSA - 12/01/2017
Cronache - Lionello: "Coni parte lesa, ci costituiremo parte civile"

VIDEO Gestione privatistica e personalistica del Coni le accuse della Finanza che ha arrestato Cintolo. Parla Solombrino

Il comandante provinciale delle fiamme gialle fa il punto sulle indagini Foto Corrierediragusa.it

Gestione personalistica e privatistica dei contributi regionali del Coni e della scuola dello sport di Ragusa. Sulla base di ciò è finito in manette l’ex presidente del Coni di Ragusa Sasà Cintolo, come spiegato dal comandante provinciale delle fiamme gialle Claudio Solombrino (vedi video)


Gasolio per il riscaldamento dell’abitazione privata, l’acquisto di un’auto, perfino un’imbarcazione. C’era questo e tanto altro, secondo le indagini della guardia di finanza di Ragusa, tra i beni acquistati attraverso i contributi erogati dalla regione al Coni e alla scuola dello sport di Ragusa. I fatti riguardano i contributi erogati dalla regione nel periodo compreso tra il 2006 e il 2012. Il sistema si basava essenzialmente su una doppia richiesta di rimborso contributi: i rimborsi del Coni nazionale andavano a finire nel conto ufficiale, mentre i rimborsi del Coni regionale andavano a finire su un "conto ombra" attraverso il quale, secondo l’accusa, si metteva in atto una gestione privatistica e personalistica dei contributi, così come della stessa struttura. Il segretario generale del Coni Sicilia Nuccio Lionello ha ribadito come il Coni sia parte lesa nella vicenda e intenda dunque costituirsi parte civile in sede di procedimento giudiziario.