Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 18 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:00 - Lettori online 511
RAGUSA - 02/12/2016
Cronache - I genitori si erano allarmati

Minorenne fugge di casa per diventare "grande"

La sezione volanti ha risolto il caso Foto Corrierediragusa.it

Intraprendenza e spirito di indipendenza unitamente ad una notevole dose di imprudenza e impulsività: sono di certo queste le caratteristiche principali del minorenne ragusano di soli 15 anni ritrovato a Catania mentre cercava lavoro, dopo essersi allontanato da casa. I genitori, preoccupati, avevano denunciato la scomparsa del proprio figlio ed erano scattate immediatamente le ricerche dell’Ufficio Volanti della Questura di Ragusa. Secondo quanto riferito, il ragazzo era stato accompagnato dal padre in un istituto scolastico di Ragusa, dove però non era mai entrato facendo perdere ben presto le proprie tracce e rendendosi irreperibile. Poco prima della sua scomparsa il ragazzo ha mandato un messaggio vocale al proprio migliore amico, ringraziandolo della sua amicizia. Proprio quel messaggio ha messo in apprensione i genitori, che avvisati dello strano annuncio, hanno provato a rintracciare il figlio che aveva però spento il proprio cellulare, mettendo ancora più in ansia gli stessi genitori.

Appena giunti all’ufficio denunce della questura di Ragusa hanno raccontato le loro preoccupazioni. Dopo pochi minuti le Volanti si sono messe alla ricerca del ragazzo, avendo a disposizione un’accurata descrizione fisica ed una sua foto. Dalla denuncia di scomparsa è però emerso che il ragazzo stava vivendo un momento particolare della sua vita da adolescente, e che più volte aveva espresso la volontà di trasferirsi in una grande città. Alla fine il 15enne è stato rintracciato in un supermercato del centro di Catania, dove si era recato per chiedere lavoro. Il titolare, tenuto conto della giovane età del ragazzo, aveva capito che c’era qualcosa di strano nel suo atteggiamento ed aveva avvisato la Polizia. Dunque la famiglia si è ricongiunta.