Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 10:34 - Lettori online 963
RAGUSA - 28/11/2016
Cronache - Il monito del Vescovo Cuttitta: "Uomini, rispettate le donne, sempre"

VIDEO Palloncini bianche e verdi per addio a Pamela

Una omelia toccante e profonda che induce a riflettere Foto Corrierediragusa.it

"Pamela è stata un´altra innocente vittima della furia di un uomo. Gli uomini devono imparare a rispettare le donne": è il sunto della toccante e profonda omelia del Vescovo di Ragusa, Monsignor Angelo Cuttitta (vedere video).


Il Vescovo ha celebrato nella cattedrale di San Giovanni i funerali di Pamela Canzonieri, la 39enne ragusana uccisa in Brasile da un suo vicino di casa per un bacio negato. Oltre ai parenti e ai tantissimi amici, il luogo di culto era gremito da tante autorità: dal prefetto al questore, passando per il sindaco e le forze dell´ordine. Tutti a tributare l´omaggio ad una giovane donna strappata alla vita. A concelebrare messa anche il nunzio apostolico in Bilivia, Monsignor Giambattista Diquattro. Poi l´uscita del feretro ricoperto di fiori bianchi dalla chiesa, lungo un corridoio di palloncini bianche e verdi che si sono levati alti in cielo nel fragoroso ma composto battito di mani che ha accompagnato Pamela nel suo ultimo viaggio.

Per il video si ringrazia Ragusatelegraph


L´ARRESTO DEL PRESUNTO ASSASSINO REO CONFESSO
Resta in cella di Antonio Patrício Dos Santos, detto "Fabricio", brasiliano di 31 anni. L´uomo, prima di essere arrestato, avrebbe potuto uccidere ancora e forse nelle sue mire era già finita un´altra donna, dopo la povera Pamela. Le indagini della polizia di Salvador de Bahia, che ha competenza anche sulle unità di polizia dei territori interni e quindi Valença e Morro de São Paulo, si sono indirizzate da subito sulla vita privata e sugli avventori del locale dove lavorava Pamela. Con il contributo dell´ ufficiale di collegamento Italiano dello Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di polizia della Criminalpol di stanza a Rio de Janeiro), che ha partecipato a tutte le attività, si è ristretto velocemente il campo delle indagini. L’uomo avrebbe incontrato Pamela per strada mentre stava facendo ritorno a casa, offrendosi di accompagnarla. Poi avrebbe fatto della avances alla donna mentre apriva la porta del suo appartamento al quartiere Mangaba a Morro de Sao Paulo. Al secco rifiuto opposto da Pamela di baciarlo, l´uomo, in stato confusionale perchè sotto l´effetto di droghe, avrebbe reagito con violenza, serrandole le mani al collo fino ad ucciderla. Non è escluso che in quei concitati momenti vi fossero altre persone presenti nei pressi della scena del crimine, ovvero gli altri sospettati, tra cui forse anche la donna con la quale Pamela aveva litigato qualche giorno prima. Il movente passionale è stato dunque alla base dell´omicidio di Pamela, l´ennesimo, drammatico femminicidio che ha tranciato una giovane vita.