Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1276
RAGUSA - 25/10/2016
Cronache - Il 22enne è stato trovato in possesso di dosi

Gambiano spacciava droga nel parco

Dopo il direttissimo il giovane è tornato libero Foto Corrierediragusa.it

E´ stato un arzillo nonnino a passeggio con il suo nipotino a segnalare alla polizia domenica pomeriggio che nel parco pubblico di via Natalelli a Ragusa un giovane di colore, Kemo Jaiteh, 22 anni, stava spacciando molto tranquillamente droga davanti a tutti. Il nonno, proprio per la presenza dello spacciatore e del via vai di assuntori, ha deciso di allontanare il bambino dal luogo e avvertire le forze dell´ordine. La polizia ha così arrestato per spaccio di hashish il giovane, originario del Gambia, peraltro richiedente asilo politico. Dopo la segnalazione ricevuta, gli agenti hanno effettuato un servizio di osservazione del luogo segnalato, rilevando che il giovane di colore era ancora intento a spacciare. Dopo pochi minuti si è infatti avvicinato un giovane conosciuto dalle forze dell´ordine come assuntore di stupefacenti, che si è fatto consegnare dal gambiano un piccolo involucro in cambio di 10 euro. I poliziotti sono quindi intervenuti per fermare lo spacciatore, mentre l’acquirente cercava di dileguarsi, ma è stato poi rintracciato dopo poche ore. Dalla perquisizione personale, dalle tasche del gambiano sono saltate fuori altre 5 dosi di hashish già suddivise e confezionate per la vendita.

Nell´ambito del processo direttissimo ed a seguito della convalida dell´arresto a cui il difensore Marco Biagio Giudice si era anche opposto, il magistrato ha rimesso in libertà l´imputato. Il legale ha quindi chiesto i termini a difesa, per valutare se scegliere un rito alternativo o celebrare il giudizio col rito ordinario. Il processo è stato dunque rinviato all´8 novembre.