Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1039
RAGUSA - 22/09/2016
Cronache - Insolito episodio in contrada Selvaggio

Vigile e vigilessa aggrediti da 2 fratelli

Gli aggressori sono finiti ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Hanno aggredito due agenti della polizia locale e per tale motivo sono stati arrestati con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale due fratelli residenti a Comiso. Il fatto si è verificato durante i controlli al mercato settimanale. I due fratelli, di 34 e 26 anni, avevano occupato abusivamente il marciapiede prospicente l’ingresso al mercato settimanale di contrada Selvaggio con numerose buste di plastica piene di meloni per la vendita. In assenza di persone che ne reclamassero la proprietà, i vigili urbani hanno iniziato a caricare la merce sulla loro auto al fine di procedere al relativo sequestro. Dopo alcuni istanti è arrivato uno dei due fratelli che è andato in escandescenze, e dopo aver spinto uno degli agenti, ha aperto il cofano dell’autovettura di servizio prendendo di forza i meloni e scaraventandoli per strada non curante di scagliarli contro i passanti. A nulla sono serviti i tentativi per riportare alla calma il soggetto da parte degli agenti visto che l’uomo, dopo aver strattonato la vigilessa, ha aperto la portiera posteriore dell’auto di servizio, riprendendo a scaraventare per strada la merce sequestrata.

A dar man forte all´uomo è arrivato il fratello che ha iniziato a minacciare e offendere gli agenti. Poi è stato bloccato fisicamente da altri commercianti. E’ infine intervenuta una volante della polizia che ha subito bloccato i due fratelli e li ha condotti in questura dove poi sono scattati gli arresti. Gli agenti aggrediti sono stati invece soccorsi e medicati presso l’ospedale civile riportando lesioni guaribili per dieci e due giorni mentre per gli aggressori sono scattati i domiciliari.