Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 679
RAGUSA - 06/09/2016
Cronache - Sono intervenuti i carabinieri: la vittima è un giovane rumeno

Maltempo tragico: muore un 24enne

La violenza del temporale non ha concesso scampo al giovane Foto Corrierediragusa.it

Il forte maltempo provoca persino un morto e fa tanti danni. Un giovane è infatti annegato nella zona tra Cammarana e Scoglitti, intorno alle 14.30 di martedì, per le cattive condizioni del mare. Il tragico episodio si è verificato nei pressi della Riviera Camarina, dove lo sfortunato giovane, di origine rumena, è morto annegato: si tratta di Andrianu Bogdan Catalin, 24 anni. Il ragazzo era entrato in mare e, a causa delle condizioni meteo sfavorevoli, è annegato. Vani sono stati i tentativi di rianimazione operati dal personale del 118, allertato da alcuni bagnanti: poco dopo sono giunti i carabinieri, nonché i militari dell’Ufficio Marittimo della Guardia Costiera di Scoglitti. Il medico legale intervenuto per l’ispezione cadaverica ha confermato che il decesso del 24enne era avvenuto per asfissia da annegamento. Il corpo è stato messo a disposizione del sostituto procuratore di turno per i provvedimenti di competenza e dunque trasportato all’obitorio del cimitero di Vittoria.

La pioggia, che ha ingrossato i fiumi e trasformato soprattutto a Ragusa le strade in torrenti in piena, ha interessato sin dal primo pomeriggio anche il litorale con un forte vento. Dalle spiagge i bagnanti settembrini sono letteralmente fuggiti per non incappare in fulmini e pioggia battente che lungo la costa si è, tuttavia, esaurita nell’arco di nemmeno un’ora. Maltempo annunciato che è arrivato nella Sicilia sudorientale con qualche anticipo visto che i temporali erano annunciati per giovedì. La Protezione civile regionale ha comunicato che una perturbazione interessa la Sicilia orientale con forti temporali e acquazzoni. Le temperature sono in calo, con venti forti e mari molto mossi, localmente agitati al largo. Il tempo sarà instabile per alcuni giorni. Le condizioni meteo avverse perdureranno fino a venerdì.

Nell’entroterra, come accennato, grandine e pioggia soprattutto nel capoluogo, dove le strade sono state invase dall’acqua piovana. Difficile la situazione nella parte alta della città e soprattutto a Ibla dove la circolazione è stata intralciata proprio per il quantitativo di acqua che ha invaso le carreggiate anche a causa dell’ostruzione di alcuni tombini. L’acqua è caduta in modo violento per almeno dieci minuti e, seppur per breve tempo, ha causato notevoli disagi in una città che si è ormai ripopolata. Anche a Modica e sul versante orientale ibleo pioggia breve ma intensa, un annuncio di autunno o, sperano i residui vacanzieri, una breve interruzione dell’estate. I danni sono i soliti: strade invase da rifiuti e detriti, scantinati allagati, auto in panne e alberi e cartelloni pubblicitari pericolanti. Per fortuna, a parte la tragica notizia del morto a Scoglitti, non si segnalano feriti.

A MARINA DI RAGUSA UOMO SALVATO DALLE ONDE
Intervento intorno alle 11 di martedì a Marina di Ragusa, nei pressi dell´imbocco del porto turistico, da parte degli uomini del Presidio comunale di Protezione civile addetti al servizio di assistenza ai bagnanti che hanno prestato soccorso ad un uomo di circa 40 anni caduto in acqua a causa delle onde che hanno capovolto il proprio tender. A seguito della segnalazione al numero verde da parte del responsabile del servizio noleggio pedalò di piazza Dogana, una moto d´acqua della Protezione Civile comunale in dotazione del Presidio del Porto Turistico, con a bordo Giuseppe Schembari e Salvatore Vicari, è prontamente intervenuta prestando soccorso all´uomo in mare e recuperando il mezzo nautico ribaltato.


Esagerazione
07/09/2016 | 3.31.57
Lorenzo

Se l´amministrazione avesse un briciolo di responsabilità, avrebbe dato mandato di far eseguire dei lavori di pulizia scarichi fognari. Perchè se un temporale estivo, di proporzioni normali, non come lo descrivete, mette KO un centro abitato di 70.000 persone, qualcuno dovrebbe porsi delle domande! Se dopo un inverno mite, dove da oltre un anno non vediamo delle piogge decenti, al primo acquazzone di 20 minuti si allaga tutto, allora molte cose non funzionano, ma non diamo la colpa al meteo, perchè in questo periodo sono normalissimi. Per quanto riguarda il signore annegato, considerato che quel tratto di mare ha ucciso molte volte, con quale coraggio ti vai a tuffare in mare col brutto tempo in arrivo? Molte volte ce le cerchiamo noi e sfidiamo la morte!