Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1108
RAGUSA - 03/09/2016
Cronache - Accorata lettera rivolta alle istituzioni

Residenti contrada Pizzillo preoccupati

I ladri continuano a non dare tregua Foto Corrierediragusa.it

Considerato l’esponenziale aumento di furti nelle abitazioni, i residenti di contrada Pizzillo hanno deciso di riunirsi in comitato (foto) e di denunciare pubblicamente tale incresciosa situazione. «L’incremento – dicono i componenti del comitato contrada Pizzillo – si è registrato soprattutto nelle ultime settimane. Tali furti sono effettuati di solito nelle ore notturne. C’è, dunque, una notevole allerta da parte di tutti i cittadini che risiedono nella zona (la maggior parte stabilmente mentre altri sono villeggianti e dunque solo per il periodo estivo). E’ chiaro che, contestualmente, avanza anche la paura. Ecco perché - si legge nella nota dei residenti riuniti in comitato - invitiamo il prefetto, il questore e il sindaco a valutare l’opportunità di disporre l’intensificazione di controlli sul territorio. Per quanto riguarda, poi, nello specifico l’Amministrazione comunale, sollecitiamo la Giunta municipale a migliorare l’illuminazione di alcune strade della contrada che risultano essere allo stato attuale al buio mentre sarebbe opportuno installare delle videocamere di sorveglianza lungo le vie d’accesso della zona al fine di potere andare avanti con maggiore tranquillità nelle incombenze quotidiane e potere stare sereni soprattutto durante le ore notturne, quando i furti si consumano con maggiore frequenza. E’ ovvio che i furti in questione sono già stati denunciati alle forze dell’ordine.

Rivolgiamo - si continua a leggere testualmente - un accorato appello al prefetto e al questore affinché sia garantita la massima sicurezza, attraverso i controlli che saranno effettuati da carabinieri e polizia, per noi cittadini e per i nostri figli. Specialmente durante la notte. Non possiamo svegliarci durante il sonno con la paura che i malviventi rubino e che, peggio ancora, girino per casa. Chiediamo una mano concreta - conclude la nota - affinché questa situazione possa finalmente essere risolta nella maniera migliore».

Il comitato, infine, desidera ringraziare padre Gianni Mezzasalma, della comunità «Eccomi, manda me», per avere messo a disposizione lo spazio esterno in cui si sono svolte le riunioni del gruppo di residenti. Inoltre, nel corso della prossima settimana il comitato formalizzerà la richiesta d’incontro ai vari rappresentanti istituzionali a cui ci si è rivolti per inoltrare le varie istanze (maggiori controlli, videosorveglianza, potenziamento della pubblica illuminazione, etc.)