Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1213
RAGUSA - 02/09/2016
Cronache - I controlli della polizia provinciale

Già 3 cacciatori denunciati in periodo di pre caccia

Praticavano la caccia al colombaccio Foto Corrierediragusa.it

Il primo giorno di pre apertura della stagione venatoria non ha fatto registrare alcun incidente e i controlli su più di cento cacciatori effettuati dalla Polizia Provinciale di Ragusa ha portato alla denuncia di tre persone, provenienti da altre regioni che esercitavano la caccia al colombaccio. Le numerose pattuglie di Polizia che hanno presidiato tutte le zone rurali dove solitamente è più marcata la presenza di cacciatori, hanno privilegiato, soprattutto, i controlli mirati al rispetto delle regole della sicurezza ed in particolare le distanze da edifici e strade. L’intesa attività di vigilanza ha portato alla identificazione di tre soggetti provenienti da altre regioni che esercitavano la caccia al colombaccio, in violazione del calendario venatorio che vieta ai non residenti in Sicilia l’esercizio della caccia durante il periodo di preapertura. Per loro è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria in regime di libertà per esercizio dell’attività venatoria in periodo di divieto generale. Si tratta di N.L., 58 anni, e G.P., di 51, entrambi della provincia di Reggio Calabria, sorpresi in contrada Bellamagna tra il territorio di Modica e Pozzallo, e di L.C., 57 anni, della provincia di Lecce, che dava la caccia ai colombacci in una zona rurale di Pozzallo. Ai tre sono stati inoltre sequestrati i fucili, 93 cartucce e la selvaggina illegittimamente abbattuta.

Si è proceduto inoltre al ritiro, in loro danno, del tesserino venatorio. Gli agenti della Polizia Provinciale hanno, inoltre, contestato 7 violazioni amministrative applicando sanzioni amministrative per importi unitari sino a 826 euro per violazioni varie tra cui il porto del fucile al di fuori della custodia (negli spostamenti da un luogo ad un altro, l’arma, infatti, deve essere riposta nell’apposita custodia e tenuta scarica), superamento del numero massimo di capi abbattibili. Ritirati altri 6 tesserini venatori e sequestrate 17 tortore. Le infrazioni sono state commesse nelle campagne tra Modica, Pozzallo, Vittoria e Acate.

«Dopo i primi controlli effettuati nella giornata di preapertura – dice il comandante della Polizia Provinciale, Raffaele Falconiei, appare superfluo aggiungere che i servizi di vigilanza non conosceranno sosta, anzi saranno intensificati in vista dell’apertura generale della stagione venatoria fissata per il prossimo 18 settembre».