Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 871
RAGUSA - 13/08/2016
Cronache - La vittima si chiamava Moslem ben Boubaker

E´ morto il bimbo caduto dal balcone

Fatale per il piccolo si è rivelato il trauma cranico
Foto CorrierediRagusa.it

Non ce l´ha fatta il bambino ragusano di 7 anni caduto nel pomeriggio di martedì scorso dal balcone, al secondo piano della casa in cui viveva con i genitori ed il fratellino, in via Ecce Homo, in pieno centro a Ragusa. Dopo quattro giorni tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione del "Cannizzaro" di Catania, il piccolo Moslem ben Boubaker (foto) è deceduto alle 9.15 di sabato, come confermato dal bollettino diramato dallo stesso ospedale etneo. Ragusano di origini tunisine, come accennato il bambino faceva parte di un nucleo familiare da anni residente a Ragusa e composto da padre, madre e un fratellino. Fatale per il piccolo si è rivelato il trauma cranico con emorragia interna e lesioni cerebrali riportato a seguito della caduta. Il bambino era stato tenuto in coma farmacologico fin dal suo ricovero in prognosi riservata. Si sperava in un miglioramento delle condizioni cliniche ma purtroppo così non è stato.

Ancora da chiarire nei dettagli la dinamica dell´incidente domestico fatale. Pare che il bambino, che stava giocando con il fratellino, durante un attimo di distrazione della madre, abbia scavalcato la ringhiera, precipitando nel vuoto da un’altezza di almeno 15 metri. Immediati i soccorsi nei concitati momenti che hanno fatto seguito al drammatico episodio. Dopo le prime cure prestate dagli operatori dell’ambulanza del 118, il bambino è stato subito trasportato d’urgenza in elisoccorso a Catania dove, come accennato, è deceduto.

Da stabilire in particolare come abbia fatto il bambino, data anche la bassa statura, a scavalcare la ringhiera del balcone, alta almeno un metro e mezzo, ed a finire di sotto. Non è escluso che il piccolo, forse per prendere un giocattolo, sia salito su una sedia o qualcosa di simile, perdendo l´equilibrio. Pare che nessun testimone si fosse accorto di nulla, salvo poi avvertire il tonfo sordo dell’impatto del corpicino al suolo e le successive grida della madre.