Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1154
RAGUSA - 11/08/2016
Cronache - La vittima è Angela Di Stefano

Rapina una 79enne che muore in ospedale

L’uomo identificato grazie alle testimonianze ed alle riprese delle videocamere di sorveglianza Foto Corrierediragusa.it

Una rapina finita male con uno scippo rivelatosi letale: un 25enne aveva aggredito un´anziana di 79 anni per rubarle la collana d´oro che portava al collo, con lo scopo di rivenderla e successivamente comprare della droga, ma la donna, a causa delle gravi ferite riportate e della età avanzata, è morta in ospedale quattro giorni dopo. Alla luce di questa tragedia sono scattate le manette per Sergio Giuseppe Aiello (foto), originario di Catania ma da tempo residente a Ragusa, già noto alle forze dell´ordine. Tutto era accaduto il 28 maggio scorso in via Ecce Homo, nei pressi di piazza San Giovanni, davanti alla porta di casa della vittima, Angela Di Stefano, che stava rientrando nella propria abitazione dopo avere fatto la spesa. L´uomo, con mossa fulminea, aveva strappato la collana dal collo dell´anziana, stramazzata al suolo a causa dell´aggressione e per lo spavento. La donna era stata aggredita alle spalle, senza nessuna possibilità di difendersi. La vittima aveva riportato la frattura del femore ed altre lesioni sparse per cui si era reso necessario un intervento chirurgico a seguito del quale era sopraggiunto il decesso a causa di alcune complicanze. Nei concitati momento successivi alla rapina, qualcuno aveva assistito alla terribile scena, prestando soccorso all´anziana e fornendo agli agenti preziose indicazioni per identificare Aiello, che aveva ammesso di avere aggredito la 79enne, ma non con l´intento di uccidere.

Le accuse contestate al giovane sono rapina, lesioni gravissime e morte come conseguenza di altro delitto. La procura non gli ha contestato l´omicidio preterintenzionale. La versione dei fatti di Aiello sarebbe avvalorata anche dalle riprese dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati presenti in zona. Nelle immagini si vede difatti l´uomo sbucare all´improvviso fuori tra due auto posteggiate e aggredire alle spalle la vittima, e poi andare insieme a una donna, risultata estranea alla vicenda, a vendere la collana d´oro scippata alla pensionata ed i cui soldi ricavati sarebbero serviti per acquistare droga. Gli investigatori avevano ritrovato anche la collana, che era stata venduta ad un "Compro oro" per poche centinaia di euro, L´amica di Aiello, all´oscuro del fatto che la collana fosse stata rubata, era convinta solo di stare facendo una cortesia all´uomo esibendo la sua carta d´identità per la vendita della collana, dal momento che Aiello aveva asserito di aver smarrito i suoi documenti. Ora l´uomo si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa.