Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 542
RAGUSA - 09/08/2016
Cronache - Il piccolo è ricoverato in prognosi riservata in rianimazione al "Cannizzaro" di Catania

E´ gravissimo il bambino di 7 anni precipitato dal balcone di casa

Sono intervenuti i carabinieri per accertare la dinamica Foto Corrierediragusa.it

Restano gravissime le condizioni cliniche del bambino ragusano di 7 anni caduto nel pomeriggio di martedì scorso dal balcone, al secondo piano della casa in cui vive con i genitori, in via Ecce Homo, in pieno centro a Ragusa. Il piccolo si trova ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione del "Cannizzaro" di Catania. Ad assisterlo i genitori, entrambi di nazionalità tunisina ma da anni residenti a Ragusa. Pare che il bambino, che stava giocando con il fratellino, approfittando di un attimo di distrazione della madre, abbia scavalcato la ringhiera, precipitando nel vuoto da un’altezza di almeno 15 metri. Immediati i soccorsi nei concitati momenti che hanno fatto seguito al drammatico episodio. Dopo le prime cure prestate dagli operatori dell’ambulanza del 118, il bambino è stato subito trasportato d’urgenza in elisoccorso a Catania dove, come accennato, si trova ricoverato in condizioni critiche. Pare che nell’impatto al suolo il bambino abbia riportato diverse fatture e un sospetto trauma cranico. Non appena le condizioni cliniche lo consentiranno, il piccolo sarà sottoposto ad intervento chirurgico. Sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale per i rilievi e per accertare l’esatta dinamica dell’incidente.

Da stabilire in particolare come abbia fatto il bambino, data anche la bassa statura, a scavalcare la ringhiera del balcone, alta almeno un metro e mezzo, ed a finire di sotto. Non è escluso che il piccolo, forse per prendere un giocattolo, sia salito su una sedia o qualcosa di simile, perdendo l´equilibrio. Pare che nessun testimone si sia accorto di nulla, salvo poi avvertire il tonfo sordo dell’impatto del corpicino al suolo e le successive grida della madre. I soccorsi, come accennato, chiamati con tempestività, si sono mobilitati in pochi minuti soccorrendo il bambino riverso al suolo privo di conoscenza e con l´elisoccorso atterrato nel vicino stadio per velocizzare i tempi di trasporto a Catania, alla luce della situazione critica. Determinanti si riveleranno le prossime ore in merito all’evoluzione del quadro clinico.