Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 609
RAGUSA - 27/07/2016
Cronache - La decisione del tribunale del riesame

Arresti domiciliari per presunto usuraio

Le dichiarazioni del teste sono state definite "vaghe" dai giudici Foto Corrierediragusa.it

Arresti domiciliari per il pensionato 69enne Domenico Caggegi, arrestato qualche giorno fa per usura ed estorsione: quest’ultima accusa è però nel frattempo caduta in quanto il tribunale della libertà di Catania ha ritenuto troppo vaghe in tal senso le dichiarazioni rese da un commerciante, ovvero l’accusatore del 69enne. I giudici del riesame hanno quindi annullato l’ordinanza del gip di Ragusa, disponendo la scarcerazione e la conseguente misura degli arresti domiciliari per il solo reato di usura, accogliendo le richieste del difensore di fiducia Maria Carmela Manenti, che, peraltro, giudicava il regime carcerario incompatibile con le condizioni di salute del proprio assistito. L’avvocato aveva presentato anche una perizia medica a sostegno della sua tesi. L’uomo era stato arrestato mentre riceveva una busta contenente 400 euro dal commerciante.

Caggegi ha sempre respinto con forza le accuse del commerciante, che, stando a quanto emerso dalle indagini, si era di recente fatto prestare 13 mila euro dallo stesso Caggegi, da restituire in rate mensili. Il commerciante avrebbe altresì consegnato a Caggegi un rolex e un televisore, a titolo di acconto sul prestito percepito. In casa del pensionato in effetti gli investigatori hanno trovato i due oggetti, assieme a 7 assegni per complessivi 28 mila euro che portano le firme di altri soggetti. Il commerciante aveva già chiesto in prestito 60 mila euro a Caggegi nel 2008, restituendone solo una parte.