Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 922
RAGUSA - 13/07/2016
Cronache - Il fenomeno tipicamente estivo non conosce soste

Fumarole: agricoltori denunciati

Interessata una vasta area del territorio ibleo Foto Corrierediragusa.it

La polizia provinciale di Ragusa ha intensificato in quest’ultimo periodo servizi specifici su tutto il territorio provinciale a tutela della salute pubblica e dell’ambiente per contrastare il fenomeno delle fumarole. L’attività di controllo, svolta anche in orari notturni e mattutini, è stata rivolta soprattutto al la fascia vocata agricola che interessa gli ambiti territoriali dei comuni di Ragusa, Scicli, Santa Croce Camerina, Acate, Comiso e Vittoria, dove il fenomeno delle fumarole è prevalente e dove in passato si è avuto modo di constatare una abitudine abbastanza diffusa degli imprenditori agricoli di incendiare i rifiuti plastici e vegetali all’interno delle proprie aziende. Durante l’attività di vigilanza tre imprenditori agricoli sono stati sorpresi mentre bruciavano i rifiuti vegetali e altri rifiuti speciali, derivanti dalla dismissione delle serre e tutti sono stati denunciati all´autorità giudiziaria per l’ipotesi di reato di illecito smaltimento di rifiuti speciali ed immissione molesta di fumi in atmosfera.

Si tratta di R.C.M., 61 anni, di Scordia, titolare di una impresa agricola in contrada Bastonaca di Vittoria, G.T., 41 anni, di Ragusa, con impresa in contrada Pirrera a Santa Croce Camerina e G.M.M., 53 anni, di Scicli, proprietario di serre in contrada Timperosse a Scicli.

Nel corso delle numerose verifiche coordinate dal comandante provinciale Raffaele Falconieri sono state, inoltre, sottoposte a controllo preventivo decine di imprese serricole che avevano già provveduto ad accatastare rifiuti di plastica, seminiere di polistirolo, tubi di irrigazione ed altri rifiuti speciali all’interno dei siti produttivi. I produttori, infine, sono stati resi edotti delle corrette modalità di smaltimento dei rifiuti, al fine di evitarne l’abbandono indiscriminato sul territorio o la loro distruzione mediante incenerimento.