Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 776
RAGUSA - 04/07/2016
Cronache - In azione polizia e carabinieri

Preso ladro d´auto e sventato furto in concessionaria

Due distinte operazione a Marina di Ragusa e Ragusa città Foto Corrierediragusa.it

Arrestato dagli uomini dell’ufficio volanti della questura di Ragusa un algerino domiciliato a Vittoria, irregolare, con l’accusa di furto aggravato e continuato su auto in sosta e porto di coltello. I fatti si sono svolti a Marina di Ragusa nel primo weekend di caldo intenso e di spiagge gremite di turisti e villeggianti. Al 113 un utente ha segnalato la presenza di un individuo che si aggirava con fare sospetto tra le auto in sosta cercando di forzare le portiere di quelle prescelte per poi allontanarsi a bordo di un motociclo. Immediato l’arrivo delle Volanti di Ragusa che hanno iniziato a perlustrare il territorio rintracciando il soggetto indicato, all’interno di una Fiat Punto appena aperta, intento a ricercare oggetti di valore da rubare. L´uomo, alla vista degli agenti, ha tentato di scappare per le vie limitrofe, ma è stato immediatamente bloccato.

Rilevanti i danni prodotti a diverse auto in sosta nella stessa via. L’algerino infatti prima aveva forzato una Opel Meriva, poi una Smart e una Fiat Punto. Per Farid Chiref (foto), algerino di 36 anni, come accennato sono scattate le manette con l’accusa di furto aggravato e continuato e porto di coltello. L´uomo si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa.

A Ragusa invece i carabinieri hanno sventato un furto notturno ai danni di una concessionaria d´auto sulla provinciale 25. Arrivati sul posto i carabinieri hanno scoperto che si trattava di tre uomini incappucciati, i quali, dopo aver tentato di entrare dalla porta di emergenza, sono stati messi in fuga dall’arrivo dei militari. I carabinieri continuano ad indagare per scoprire l’identità dei delinquenti.