Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 916
RAGUSA - 29/06/2016
Cronache - Ennesimo, brutto episodio di violenza tra le mura domestiche

Picchia e prende a morsi la convivente: arrestato

Il fattaccio si è verificato in piena notte in un’abitazione del centro storico Foto Corrierediragusa.it

Un 34enne violento non esita a picchiare tra le mura domestiche la sua ex compagna, prendendola addirittura pure a morsi, nonostante la figlia della vittima, di appena 4 anni, si era frapposta tra i due per difendere la madre, riportando a sua volta delle lesioni. Per l’energumeno sono scattate le manette della sezione volanti della questura, avvisata da alcuni residenti allarmati dalle grida della donna picchiata e della bambina. L’uomo, originario del Siracusano, come accennato aveva continuato a colpire la sua convivente nonostante la figlia in lacrime tentasse invano di fare da scudo alla mamma. Il fattaccio è successo in piena notte, quando al 113 è giunta la segnalazione dell’aggressione all’interno di un’abitazione del centro storico. Immediato l’arrivo delle volanti che hanno trovato la giovane donna disperata, con i segni delle botte subite ben visibili sul volto, e la figlia di soli 4 anni che piangeva a dirotto. Gli agenti hanno quindi bloccato l’autore dell’aggressione. La donna e la piccola sono state soccorse dal personale del 118, che ha riscontrato contusioni al volto e agli arti, trauma cranico ai danni della donna e un trauma al braccio sinistro della piccola.

La vittima ha raccontato anni di soprusi e di violenza subite dal convivente violento: un incubo al quale ha stavolta deciso di porre fine con una denuncia. Il 34enne, già noto per reati contro la persona ed il patrimonio, è stato dunque arrestato per maltrattamenti in famiglia aggravati dalla presenza, al momento delle aggressioni, della figlia minorenne. L’uomo si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa.