Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 961
RAGUSA - 10/06/2016
Cronache - Il piccolo è tenuto sotto costante monitoraggio medico

Operato il bimbo di 10 anni azzannato da un cane

La proprietaria del cane è stata denunciata per lesioni personali colpose gravissime Foto Corrierediragusa.it

Si trova ricoverato nel reparto di chirurgia plastica dell´ospedale "Cannizzaro" di Catania, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento al viso, il bambino ragusano di 10 anni (e non di 8, come si era appreso in un primo momento) azzannato alla guancia da un cane meticcio giocedì sera mentre giocava a pallone con gli amici in un giardinetto comunale di via delle Betulle angolo via del Faggio. Il cane, di proprietà di una donna di Ragusa denunciata per lesioni personali colpose gravissime, non aveva né guinzaglio e né museruola. Per qualche motivo l’animale si è scagliato contro il bimbo, portandogli via buona parte della guancia con un morso. Subito i passanti hanno aiutato il piccolo in attesa dei soccorsi. Vista la gravità della situazione, dopo le prime cure prestate all´ospedale "Civile", il bambino è stato trasportato d’urgenza in elisoccorso a Catania per l’operazione chirurgica, che, si auspica, possa evitare che resti sfregiato in modo permanente nella parte del viso tra la bocca e l´occhio. Il piccolo, assistito dai suoi genitori e da altri familiari ed amici, è tenuto sotto costante monitoraggio dal personale medico. Non è per fortuna in pericolo di vita ma la prognosi resta per il momento riservata, nonostante l´intervento chirurgico, durato circa un paio d´ore, sia perfettamente riuscito. Il cane è stato posto sotto sequestro ed affidato al canile municipale. Si tratta di un comunissimo meticcio di taglia media.

Si ignorano i motivi che abbiano indotto l’animale ad attaccare il bambino che stava giocando per i fatti suoi. Anche la proprietaria dell’animale, che lo stava portando a passeggio senza i necessari accorgimenti per l’incolumità pubblica (come accennato assenza di guinzaglio e museruola) non si sa spiegare l’accaduto. A farne le conseguenza, purtroppo, l’incolpevole bambino, catapultato in pochi secondi dalla spensieratezza al dramma.