Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1089
RAGUSA - 18/05/2016
Cronache - Scoperti 4 albanesi

Attrezzi atti allo scasso nel bagagliaio

Il conducente dell’auto era in possesso di una patente falsa Foto Corrierediragusa.it

Denunciati dalla polizia stradale 4 albanesi per possesso di strumenti atti allo scasso. Gli agenti, in servizio di controllo sulla 514, hanno fermato una Audi che procedeva in direzione di Ragusa. I quattro a bordo erano albanesi senza permesso di soggiorno, di cui 2 avevano precedenti penali. Uno di loro era stato arrestato per furto con scasso in casa. Visti i furti avvenuti nelle campagne di Chiaramonte Gulfi, è stata effettuata una verifica del bagagliaio della vettura, all’interno del quale sono stati trovati 4 mazze, un grimaldello, un seghetto, una cesoia ed una forbice (foto). Alla richiesta da parte degli agenti del motivo del possesso degli attrezzi rinvenuti, i quattro hanno fornito delle risposte evasive, asserendo di lavorare in campagna e che gli attrezzi venivano da loro utilizzati per la costruzione di muri a secco. I quattro non sono stati in grado di indicare tuttavia dove quel giorno erano stati o stavano andando a lavorare.

Il conducente dell’auto ha esibito, tra l’altro, una patente che risultava sospetta. Con l’ausilio di una volante della questura di Ragusa i fermati sono stati condotti negli uffici. La patente palesemente falsa è stata quindi posta sotto sequestro, così come gli attrezzi atti allo scasso rinvenuti nell’auto. I quattro fermati sono stati denunciati per possesso ingiustificato di strumenti atti allo scasso. Nei confronti del conducente dell’auto, trovato in possesso della falsa patente, è stata contestata la violazione di 5 mila euro per guida senza patente. Infine, nei confronti di tre dei quattro denunciati, è stata avviata dal Questore di Ragusa Giuseppe Gammino la procedura per l’espulsione dal territorio italiano.