Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1498
RAGUSA - 25/03/2016
Cronache - La droga era nascosta sottoterra

Hashish al centro assistenza migranti

Lo stupefacente è stato scovato dal cane Jagus Foto Corrierediragusa.it

Ormai anche i centri di assistenza per i migranti vengono usati per spacciare droga. Una stecca di hashish del valore di 150 euro è stata difatti scoperta dalla polizia nel giardino del centro di assistenza straordinaria per migranti (Cas) di Ragusa, controllato da cima a fondo assieme a quello di Chiaramonte Gulfi. A trovare la sostanza stupefacente, nascosta sottoterra, è stato il cane antidroga Jagus. Le perquisizioni nelle due strutture sono state disposte dal questore Giuseppe Gammino che ha intensificato i controlli in tutti i centri e le strutture che ospitano migranti. Gli agenti avevano il sospetto che ci fosse uno scambio di droga dopo aver notato giovani ragusani entrare e uscire dalla struttura dopo pochi minuti. Come accennato, dunque, tutti i locali dei due centri sono stati ispezionati da 20 agenti e da due unità cinofile in servizio a Catania. Restano gli interrogativi: chi ha nascosto quella droga nella struttura? Chi era il pusher? Dove reperiva lo stupefacente? Tutte domande ancora senza risposta. Ma sulla singolare vicenda stanno lavorando gli inquirenti anche per accertare eventuali responsabilità di terzi. Nessuno, a parte gli investigatori, si sarebbe mai accorto dell’attività di spaccio nei pressi della struttura.