Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 711
RAGUSA - 18/03/2016
Cronache - Processo col rito abbreviato dinanzi al gup

Banda del rame: condanna a 31 anni

Stralciata la posizione del vittoriese Salvatore Occhipinti Foto Corrierediragusa.it

Condanne per 31 anni e 8 mesi di carcere per la banda dei furti di rame. Nove condanne per i dieci imputati nel processo celebrato con rito abbreviato davanti al gup Andrea Reale, che ha stralciato solo la posizione del vittoriese Salvatore Occhipinti, 42 anni, accusato di ricettazione. Ai condannati, tutti di nazionalità rumena, sono stati addebitati ben 15 furti di cavi di rame di proprietà dell’Enel per un totale di 5 tonnellate. I colpi furono portati a segno nell’estate di due anni fa ed i responsabili furono incastrati dalla polizia nell’ambito dell’operazione denominata «Alta tensione 2». La pena più consistente è stata inflitta a Stefan Apostol, condannato a 5 anni di reclusione; 3 anni e 8 mesi per Elvis Apostol; altrettanti per Avedani Lordanescu; 4 anni e 2 mesi per Valise Buliga; Marius Ciubotaru, è stato condannato a 2 anni e 8 mesi; 2 anni per Constantin Stancu; per Nicusor Vlas condanna a 3 anni e 6 mesi; Robert Zamfir è stato condannato a 2 anni e 6 mesi e infine Ioan Zaslatea è stato condannato a 4 anni e 6 mesi. Cinque degli imputati sono stati anche condannati al risarcimento dei danni a favore di una impresa di trasporto.