Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 885
RAGUSA - 15/03/2016
Cronache - Tra il materiale sequestrato anche 400 monete

Traffico illecito di beni archeologici pure a Vittoria

Altre 6 persone sono state sottoposte ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Un traffico illecito di materiale archeologico sull´asse Gela-Paternò-Caserta è stato scoperto dalla Guardia di finanza che ha sottoposto a indagine 27 persone, nell´ambito di una operazione denominata "Agorà". Per 12 indagati è scattato l´ordine di custodia cautelare (sei in carcere, sei ai "domiciliari"), emesso dal gip del tribunale di Gela, Veronica Vaccaro, su richiesta del procuratore capo della Repubblica, Lucia Lotti. Nei loro confronti una serie di accusa tra cui il traffico di reperti archeologici e l´associazione per delinquere. Tra il materiale sequestrato dalle Fiamme gialle figurano oltre 400 monete, risalenti a un periodo compreso tra il V e il II sec. a.C., varie apparecchiature utilizzate per le ricerche clandestine, tra cui un metal detector. Le indagini, coordinate dal pm, Elisa Calanducci, hanno permesso di accertare l´attività illecita in diverse aree archeologiche (Gela, Kamarina e altre) e la successiva commercializzazione degli oggetti nel mercato clandestino. La rete dell´organizzazione va da Gela, Vittoria e Paternò fino al Casertano.

I DETTAGLI DELL´OPERAZIONE AGORA´
C´è anche una romena di 30 anni, Mihaela Ionita, 30 anni, presunta amante di uno dei 27 indagati, fra le persone arrestate stamani dalla Guardia di finanza tra Gela, Vittoria, Paternò e Caserta per associazione a delinquere finalizzata al traffico di reperti archeologici, nell´ambito dell´operazione "Agorà" coordinata dalla magistratura gelese. La donna forniva schede telefoniche comprate in Romania per evitare intercettazioni. L´inchiesta è scattata nel 2014 quando uno dei sottufficiali in servizio presso la procura incrociò un tombarolo gelese in compagnia di un gruppetto di apparenti cacciatori, in tuta mimetica, ma in periodo di caccia chiusa. In realtà andavano a scavare nel sito archeologico di Kamarina e nel territorio di Paternò. Pedinamenti, intercettazioni e perquisizioni hanno permesso di sgominare l´organizzazione e di sequestrare 400 monete d´argento e di bronzo (la maggior parte in casa di un uomo di Vittoria, denunciato) e 6 metal detector.

Germania e Spagna le destinazioni delle monete (piazzate a tra 500 e 1000 euro ciascuna) che nel loro linguaggio criptato erano i "cerchi", mentre una Bmw corrispondeva a una statuetta di 55 cm, venduta a un collezionista spagnolo non rintracciato.

Questi gli arrestati: Simone Di Simone, 44 anni, Orazio Pellegrino, 64 anni, entrambi di Gela, ritenuti i capi dell´organizzazione; Salvatore Cassisi, di 59 anni, anche lui di Gela; Pasquale Messina, 44 anni, di Mondragone (Caserta); Roberto Ricciardi, 52 anni, di Casal di Principe (Caserta); Amedeo Tribuzio, 60 anni, di Foggia, tutti rinchiusi in carcere.
Agli arresti domiciliari sono finiti Vincenzo Cassisi, 30 anni, Nicola Santo Martines, 32 anni, entrambi di Gela; Giuseppe Rapisarda, 48 anni, di Paternò; Sergio Fontanarosa, 64 anni, di Mondragone (Caserta); Alessandro Lucidi, 51 anni, di Minturno (Caserta), e la già citata Mihaela Ionita.