Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 24 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 19:49
RAGUSA - 15/03/2016
Cronache - Le licenze rilasciate, secondo le accuse, sarebbero false

Gite scolastiche con autobus irregolari

Per contrastare la concorrenza sleale e garantire il trasporto in sicurezza dei passeggeri Foto Corrierediragusa.it

Gite scolastiche con autobus irregolari: una denuncia, una perquisizione domiciliare e due pullman sequestrati. E´ il bilancio di un´operazione di controllo della polizia stradale di Ragusa per contrastare la concorrenza sleale e garantire il trasporto in sicurezza dei passeggeri. Le indagini sono state avviate dopo il controllo di un autobus di un´azienda catanese, impegnato in una gita scolastica, che era provvisto di una licenza rilasciata in un´altra Regione ma che, secondo l´accusa, sarebbe falsa. La procura iblea ha autorizzato una perquisizione nella sede della ditta dove sono state rinvenute due licenze falsificate. Gli investigatori hanno quindi sequestrato due autobus e denunciato il titolare per "falsità materiale commessa dal privato in autorizzazioni amministrative". Il controllo nel settore è stato esteso a decine di società di trasporto che in queste settimane effettuano gite scolastiche per conto delle scuole: i dirigenti, in applicazione di un protocollo siglato tra il servizio polizia stradale di Roma ed il Miur, segnalano alla polizia stradale preventivamente date e società incaricate del trasporto, allo scopo di consentire controlli dei conducenti e dei mezzi utilizzati per il trasporto.

In pochi giorni dalla firma del protocollo, sono state controllate decine di società aventi sedi nelle province di Ragusa, Siracusa e Catania, permettendo la contestazione di otto infrazioni, per un complessivi 2 mila 500 euro, relative a violazioni di prescrizioni delle licenze ed alla mancanza di documenti attestanti il rapporto di lavoro, tra i conducenti ed i titolari delle società.