Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 496
RAGUSA - 11/03/2016
Cronache - Operazione nei comuni di Ragusa, Modica, Pozzallo e Comiso

Mezzo milione di prodotti pericolosi sequestrati

Denunciati 3 commercianti per frode in commercio Foto Corrierediragusa.it

Mezzo milione di prodotti non sicuri destinati alla vendita del valore commerciale di oltre 2 milioni e mezzo di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza in 10 esercizi commerciali di Ragusa, Modica, Pozzallo e Comiso. Numeri che fanno spavento quelli scoperti dalle fiamme gialle nell’ambito dei controlli tesi a garantire l’incolumità degli ignari acquirenti. L’operazione si inquadra nel contrasto al fenomeno dilagante delle frodi in commercio, ovvero della vendita di prodotti illegali, potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori finali. I prodotti finiti sotto sequestro appartengono ai più svariati settori: cosmetica, bigiotteria, giocattoli e materiale elettrico. Tutti gli articoli erano sprovvisti delle prescritte caratteristiche tecniche e delle informazioni circa la composizione chimica. Spesso mancava anche il marchio di conformità «Ce», dissimulato dal logo «China Export». La merce esposta negli esercizi commerciali e rinvenuta nei magazzini, una volta immessa sul mercato, come accennatom avrebbe potuto fruttare un giro d’affari di circa due milioni e mezzo di euro. I 10 titolari delle attività commerciali sono stati segnalati alla camera di commercio per le violazioni alla normativa sui prodotti destinati al consumo, per le quali sono previste sanzioni fino a 25 mila euro. Inoltre è scattato l’obbligo di provvedere alla distruzione dei prodotti non sicuri. Per 3 commercianti è scattata anche la denuncia alla procura di Ragusa per frode in commercio e violazione al codice del consumo. Sono in corso ulteriori indagini volte all’individuazione e alla disarticolazione della catena logistica, organizzativa e strutturale delle filiere illecite, nonché dei canali di finanziamento, riciclaggio e reinvestimento dei profitti derivanti da tali condotte. L’attenzione dei finanzieri era stata attirata dai forti sconti pubblicizzati su alcuni prodotti nei vari negozi.