Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 808
RAGUSA - 25/02/2016
Cronache - I controlli dei carabinieri

Hashish e marijuana nascosti nel trolley

Le manette sono scattate nel terminal di via Zama Foto Corrierediragusa.it

Preso in flagranza con hashish e marijuana nel trolley. I carabinieri del comando provinciale di Ragusa hanno arrestato un corriere della droga: si tratta di Giulio Brachitta (foto), 34enne catanese, che trasportava un chilo di hashish e 150 grammi di marijuana nascosti nella valigia. L’uomo è stato bloccato mentre cercava di salire su un autobus di linea. Alla vista dei militari il sospettato ha cercato di darsi alla fuga ma è stato subito bloccato e ammanettato. L’uomo, da tempo residente a Ragusa, in passato era già stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo i carabinieri l’uomo sarebbe un corriere della droga che utilizza gli autobus di linea extraurbana per trasportare sostanze stupefacenti. Nella sua valigia, come accennato, è stato trovato un chilogrammo di hashish, suddiviso in 8 panetti, e numerose stecche contenute in una boccetta di vetro. Nel trolley c’erano anche 150 grammi di marijuana e un bilancino di precisione. Ovviamente l’uomo non ha saputo fornire ai militari adeguate giustificazioni circa il possesso di un tale quantitativo di droga che induceva ad escludere a priori l’uso personale. Gli inquirenti ipotizzano quindi che l’uomo dovesse consegnare la droga in qualche altro centro del territorio ibleo o anche al di fuori. Le indagini proseguono proprio per chiarire questi passaggi ed anche per addivenire ai canali di approvvigionamento del correre della droga, che, dopo le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria. I militari monitoravano da tempo il terminal di via Zama visto che il fenomeno del trasporto di droga tramite i bus da parte di corrieri che tentano di non dare troppo nell’occhio si è intensificato in quest’ultimo periodo.