Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1050
RAGUSA - 19/02/2016
Cronache - Intervento dei carabinieri conclusosi con 2 denunce

La figlia ruba scarpe, la madre picchia le commesse

Sono stati i militari a riportare la calma Foto Corrierediragusa.it

Madre manesca picchia 2 commesse di un negozio di calzature che avevano scoperto la figlia minorenne a rubare scarpe. E´ quanto accertato dai carabinieri che hanno denunciato le due donne per furto e lesioni. Dal noto negozio del capoluogo era arrivata al 112 una telefonata per segnalare il furto di un paio di scarpe da parte di una minore. Mentre i carabinieri arrivavano però la situazione era precipitata. La giovane ladruncola, una minorenne comisana, era uscita dal negozio facendo suonare l’allarme. Raggiunta da una delle commesse era stata ricondotta dentro e invitata a riconsegnare le scarpe non pagate che erano nella borsa che la ragazza aveva con sé. Nel frattempo era stata fatta accomodare in ufficio, in attesa dell’arrivo dei carabinieri, dove la giovane si era sentita poco bene accasciandosi a terra. Due commesse erano accorse in suo aiuto. A questo punto il colpo di scena: due donne, una delle quali madre della minore, presenti nel negozio ma che fino a quel momento non si erano fatte avanti si sono scagliate sulle commesse, di cui una afferrata per il collo e scagliata contro il muro. Alla seconda commessa, intervenuta per liberare la prima, la madre della minore ha mollato un pugno al volto colpendola allo zigomo.

Quindi sono arrivati i carabinieri che hanno riportato la situazione alla calma, raccolto le denunce e le testimonianze, identificato la donna e la figlia. Quest’ultime sono state denunciate, rispettivamente, alla procura di Ragusa per lesioni e alla procura per i minorenni di Catania per furto aggravato.