Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 963
RAGUSA - 11/02/2016
Cronache - La donna accusa Andrea Stival, padre di suo marito Davide

Veronica: "Loris ucciso dal nonno mio amante"

La confessione riportata su un tweet di Quarto Grado Foto Corrierediragusa.it

Veronica Panarello (foto), la donna in carcere con l’accusa di aver ucciso il figlio Loris di 10 anni, cambia nuovamente versione: "Andrea Stival (il suocero, padre del marito Davide – ndr) era il mio amante, ha ucciso lui Loris con un cavo elettrico". Ma la compagna del nonno di Loris, Andrea Stival, replica: "Veronica Panarello mente, noi siamo sereni". E’ quanto si legge in due tweet del programma di Rete 4 Quarto Grado.

L´AVVOCATO DI ANDREA STIVAL: "IL MIO ASSISTITO NON C´ENTRA"
"Andrea, il padre di Davide Stival e nonno di Loris, non ha alcuna responsabilità in questa storia - commenta Francesco Biazzo, avvocato di Andrea Stival - le telecamere in questa vicenda hanno detto tutto, scandagliando ogni secondo di quei giorni. E´ l´ennesima dichiarazione che a livello processuale è destituita di qualunque fondamento. Andrea Stival non è stato mai coinvolto e la sua posizione è stata già vagliata in tutti i modi". Il nonno è stato già ammesso come parte civile al processo. "Non c´è alcuna immagine che ritragga il signor Andrea Stival entrare o uscire da quella casa. Anche le immagini dei tragitti dell´auto non hanno dato alcun elemento. A livello processuale - conclude Biazzo - è già emerso tutto qul che doveva emergere".

I DETTAGLI DELLA NUOVA, SCONVOLGENTE DICHIARAZIONE
"Loris lo ha ucciso mio suocero. Ho ricordato tutto quando sono andato a trovarlo al cimitero, ma non l’ho detto prima perché avevo paura che uccidesse anche il bimbo più piccolo". E’ la ricostruzione di Veronica Panarello fatta ad una psicologa del carcere di Catania, dove è detenuta con l’accusa di avere strangolato il figlio con una fascetta di plastica stringicavo. La direzione del carcere di Agrigento, dove la donna è rinchiusa in una cella guardata a vista, ha subito informato la procura di Ragusa.

LA PROCURA IBLEA NON VUOL FARE NULLA, MA SARA´ IL GUP A DECIDERE
Sulla nuova verità di Veronica Panarello proprio la procura iblea avrebbe fatto sapere che "Non farà, sul punto, alcuna dichiarazione, continuando a lavorare come ha sempre fatto". Lo sottolineano fonti giudiziarie, sulla nuova, clamorosa ricostruzione shock fornita dalla madre presunta assassina di Loris. In ogni caso nelle prossime ore il professor Catanesi, ovvero il perito del magistrato, trasmetterà al gup stesso, Andrea Reale, le nuove dichiarazioni. Quest´ultimo poi deciderà se sarà il caso o meno che la Panarello venga risentita dagli inquirenti.

LA DONNA IN CARCERE DAL 2014: LA MENTE COMINCIA A VACILLARE?
Come accennato, gli interessati hanno smentito questa ennesima versione della donna. In questo caso si tratterebbe di un delirio scaturito da una mente stremata da mesi di carcere e di tensione. Bisognerà dunque attendere gli sviluppi di questo sconvolgente colpo di scena. La donna, in carcere dal dicembre 2014, nei mesi successivi all´arresto ha cambiato più volte versione sui fatti. Nell´ultima ricostruzione che ha offerto agli inquirenti aveva affermato che il bambino si era strangolato da solo giocando con le fascette da elettricista. Ma in precedenza aveva dichiarato altre versioni che non hanno mai trovato riscontro nelle indagini. Per la donna è stata chiesta la perizia psichiatrica e proprio in questo contesto sarebbe emersa la nuova verità.


ipotesi UFO
12/02/2016 | 11.01.17
elbiablo

Non so perché la signora Veronica abbia escluso l´ipotesi che l´assassina sia un extraterrestre.