Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1349
RAGUSA - 09/02/2016
Cronache - L’allerta resta alta per lo sciame sismico

Scuole chiuse a Modica per le scosse di terremoto negli Iblei

Chiusi anche i centri sociali per anziani e disabili Foto Corrierediragusa.it

La scossa di terremoto che lunedì pomeriggio alle 16:35 ha scatenato il panico nel Sud Est della Sicilia s’è verificata molto vicino a Ragusa, con epicentro nella zona di San Giacomo Bellocozzo, frazione di Ragusa situata a 500 metri di altitudine sulle colline dei monti Iblei, nella stessa area in cui da domenica si stanno verificando numerose scossa sismiche. Anche se non si registrano danni a persone o cose, per domani a Modica è stata decisa la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, nonchè dei centri sociali per anziani e disabili, a scopo meramente cautelativo. Una decisione analoga era stata presa anche a Giarratana. Il terremoto di lunedì è stato di magnitudo 4.6 (poi riqualificato in 4.2), quindi abbastanza intenso, e s’è verificato ad appena 4,4 km di profondità, con un ipocentro molto superficiale. Per questo motivo le onde sismiche si sono propagate rapidamente in superficie con un intenso risentimento sismico, non solo nella zona più vicina all’epicentro (Modica, Ragusa, Palazzolo Acreide, Rosolini, Ispica, Noto, Comiso e tutta l’area iblea), ma anche in gran parte della Sicilia fino a Catania, Messina, Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto. Seppur in modo lieve, la scossa è stata avvertita addirittura a Palermo. Non vengono segnalati danni. La terra trema a quanto pare per una fase di assestamento della faglia che sta determinando lo sciame sismico, ma gli esperti non sanno prevedere se e quando ci saranno altre scosse, forse anche più intense. L´allerta resta alta.

A RAGUSA ATTIVATO IL PRESIDIO TERRITORIALE
La scossa sismica ha indotto il sindaco Federico Piccitto, tramite la Protezione Civile, ad attivare il presidio territoriale e a predisporre controlli nei punti critici, anche con l´ausilio della Polizia Municipale. Da parte della popolazione non sono pervenute segnalazioni, ma solo richieste di informazioni.

Per eventuali segnalazioni ed informazioni i cittadini posso rivolgersi al Centro operativo comunale di Protezione civile, telefoni 0932/676882 - 676885 - 676886.