Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 649
RAGUSA - 28/01/2016
Cronache - I malviventi sono dovuti fuggire a mani vuote

Rapinatori con la pistola in banca

Ricerche serrate per risalire ai malfattori Foto Corrierediragusa.it

Paura ieri pomeriggio a Ragusa per una tentata rapina in banca, per la precisione all’agenzia di via Archimede dell’Istituto Banco Popolare Siciliano, ove due ignoti malviventi, con il volto travisato con sciarpe, hanno fatto irruzione minacciando con una pistola clienti e impiegati, che poi sono stati anche rinchiusi in una stanza dell’istituto di credito. Subito dopo i rapinatori hanno minacciato il direttore dell’agenzia, imponendogli di aprire la cassaforte, in maniera tale da arraffare tutto il denaro presente in quel momento in cassa. Dopo essere rimasti in banca per diversi interminabili minuti i malviventi si rendevano conto che non era possibile aprire le casse in poco tempo, poiché le stesse erano dotate, come quelle ormai di tutti gli istituti di credito, di un’apertura temporizzata che avviene soltanto dopo un certo periodo di tempo, senza possibilità d’intervento da parte del personale. Nel frattempo, però, sul posto stavano già convergendo tutte le pattuglie dell’Arma visto che al Comando Provinciale era giunta la segnalazione d’allarme da parte della banca, che parte in maniera automatica in caso di rapina.

A quel punto i malviventi, per non correre il rischio di restare intrappolati all’interno della banca, visto che nel giro di pochi secondi sarebbero giunte sul posto numerose pattuglie dei carabinieri, si sono visti costretti a scappare a piedi senza arraffare nulla, rimanendo a mani vuote. Infatti, pochi istanti dopo la loro fuga, giungevano in forze le gazzelle dell’Arma, che attivavano il piano di ricerche, instituendo posti di blocco nelle principali vie cittadine, per bloccare ogni via di fuga ai rapinatori, e i militari dei reparti investigativi, che avviano le indagini del caso, prima di tutto acquisendo i filmati delle telecamere di video sorveglianza sia dell’istituto di credito e sia del centro cittadino, al fine di trovare elementi utili all’identificazione dei malviventi, che avevano agito a volto coperto, interrogando poi tutti i presenti ed effettuando i rilievi sulla scena del reato.