Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1276
RAGUSA - 08/01/2016
Cronache - Denunciati 5 bracconieri maltesi

Uccellacci e uccellini. Maxi sequestro

Gli animaletti sono stati rimessi in libertà Foto Corrierediragusa.it

La polizia provinciale di Ragusa, sotto le direttive del comandante provinciale Raffaele Falconieri, ha eseguito un maxi sequestro di uccelli in contrada S. Icoro, tra Modica e Ragusa. I volatili erano stati catturati facendo ricorso a strumenti non leciti da parte di cinque cittadini maltesi, tutti denunciati all’autorità giudiziaria per uccellagione, furto venatorio, maltrattamento di animali in concorso tra di loro. I cinque erano arrivati proprio in territorio ragusano per procedere alla cattura di questi fringillidi appartenente ad una specie di avifauna molte presente nel territorio, per poi essere rivenduti nell’Isola dei Cavalieri. Utilizzando 5 cardellini e cinque verzellini che facevano da richiamo, e un cardellino imbrigliato sopra una canna che strattonato serviva da zimbello, i maltesi avevano proceduto già alla cattura di quasi 100 uccellini. Se non fossero intervenuti gli agenti della polizia provinciale, i cinque bracconieri maltesi avrebbero catturato più di 500 uccellini che poi avrebbero portato a Malta per venderli al mercato nero.

L’operazione ha consentito altresì di evitare il maltrattamento degli uccelli. Il volatile che fungeva da zimbello è stato ritrovato con le ali spezzate con un amo conficcato nel petto per tenerlo attaccato alla canna. Dopo aver formalizzato la denuncia alla procura dei cinque maltesi, gli uccellini catturati sono stati liberati.