Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 356
RAGUSA - 07/01/2016
Cronache - Provvidenziale il tempestivo intervento dei vigili del fuoco

Fiamme al centro Versalis Eni Ragusa

Il Movimento No Triv di Ragusa si è detto molto preoccupato Foto Corrierediragusa.it

Fiamme all’interno del centro Versalis Eni Polimeri Europa di Ragusa, sito in contrada Tabuna (foto). Il fuoco è divampato da una delle torrette intorno alle 21 di mercoledì, originando dense colonne di fumo giallastro. Immediatamente sono intervenuti i vigili del fuoco per domare l’incendio. Dal comando provinciale i pompieri rassicurano e spiegano che l’incendio è stato immediatamente domato e che la situazione è stata fin da subito sotto controllo. L’impianto è rimasto al buio sino a tarda sera. L’Eni intanto ha fatto sapere che l’incendio si è verificato all’interno di una cabina elettrica di media tensione e ha interessato anche le apparecchiature di trasformazione di alta/media tensione che alimentano lo stabilimento, determinando il black-out degli impianti. Tutti i sistemi di sicurezza sono stati attivati prontamente con l’immediata messa in sicurezza dello stabilimento e l’intervento della squadra interna di emergenza. L’incendio, presumibilmente causato da un corto circuito all’interno della cabina, è stato completamente domato intorno alle 23, dopo un apio d´ore di lavoro. Sono in corso le operazioni di ripristino dell’impianto che dovrebbe di nuovo funzionare entro breve tempo e pieno regime.

Anche se l´Eni ha escluso ogni problema di impatto ambientale il Movimento No Triv di Ragusa si è detto molto preoccupato per l´accaduto: "Non è la prima volta che si creano eventi eccezionali - scrive il movimento - perchè da decenni si vedono e si sentono le emissioni del centro oli e dell´impianto Polimeri, il tutto - conclude il movimento - a pochissima distanza da piazza Croce, via Di Vittorio, e altre zone piene zeppe di palazzine e uffici".