Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1073
RAGUSA - 07/01/2016
Cronache - La vicenda è stata scoperta dalla polstrada

False patenti convertite in vere

Tutto sarebbe partito dalla motorizzazione di Wilaya D’Oran in Algeria Foto Corrierediragusa.it

Si presentavano agli uffici di motorizzazione e prefettura di Ragusa in possesso di una patente rilasciata in Tunisia e chiedevano di convertirla in una patente italiana secondo le norme vigenti. Solo che le patenti originali erano in realtà false e con questo stratagemma i criminali riuscivano a convertirle in vere patenti italiane. Il losco giro è stato scoperto dalla polstrada nell´ambito dell´operazione "Easy driving" (guidare facile). Coinvolti nel giro illecito ci sarebbero 36 tunisini e un egiziano, ma i meccanismi legislativi italiani erano perfettamente rispettati. Tutto è emerso dall´attento controllo di una patente effettuato dalla polizia stradale di Vittoria dal quale sono emerse alcune anomalie che hanno richiesto un approfondimento e portato a comprendere l’articolato meccanismo.

Tutto sarebbe partito dalla motorizzazione di Wilaya D’Oran in Algeria. Tutte le persone coinvolte erano residenti nella zona di Madia in Tunisia, al confine con l’Algeria. Alcuni dei malviventi risiedevano a Modica, Ispica, Pozzallo, Scicli, Vittoria e Santa Croce. I 37 indagati sono stati denunciati alla procura e segnalati alla motorizzazione per la revoca delle patenti illecitamente conseguite.